lunedì 21 gennaio 2013

Sparlando di...... #19 (il ritorno)

Avete passato un buon we Pulcini? ^^

 "Quando Anastasia Steele, graziosa e ingenua studentessa americana di 21 anni incontra Christian Grey, giovane imprenditore miliardario, si accorge di essere attratta irresistibilmente da quest’uomo bellissimo e misterioso. Convinta però che il loro incontro non avrà mai un futuro, prova in tutti i modi a smettere di pensarci, fino al giorno in cui Grey non compare improvvisamente nel negozio dove lei lavora e la invita ad uscire con lui. Anastasia capisce di volere quest’uomo a tutti i costi. Anche lui è incapace di resisterle e deve ammettere con se stesso di desiderarla, ma alle sue condizioni. Travolta dalla passione, presto Anastasia scoprirà che Grey è un uomo tormentato dai suoi demoni e consumato dall’ossessivo bisogno di controllo, ma soprattutto ha gusti erotici decisamente singolari e predilige pratiche sessuali insospettabili…"

Sparliamo un pò...
Anastasia viene svegliata dai dolci baci di Christian, il quale le ricorda della cena in programma a casa dei suoi genitori.

Lei si sveglia, si fa una doccia e recupera le sue cose: il vestito è lì, il reggiseno è qui, ma…ohibò! Dove sono le mutandine? Anastasia ci pensa un attimo e capisce: Christian se le è messe in tasca e se le è tenute!
Ma tu guarda che burlone! E adesso? E adesso…Anastasia non vuole cedere all’impulso di chiedere a Christian che gliele restituisca e decide di farne a meno. La sua fastidiosa dea interiore si dichiara perfettamente d’accordo.

Lui chiaramente si aspetta che lei faccia qualche domanda sulla misteriosa sparizione di un elemento del suo vestiario ma lei fa finta di nulla, portando avanti il suo malizioso scherzetto con tutta la nonchalance di cui è capace.

La serata a casa dei genitori di Christian scorre tranquilla e serena, inizialmente. Poi, quando Anastasia, rispondendo alla domanda della madre di Christian a proposito dei suoi programmi nei giorni seguenti, dichiara di voler andare a trovare sua mamma in Georgia Christian si incupisce. Lui non ne sapeva nulla! Anastasia è nei guai…
Nervosa, segue Christian nella sala da pranzo e le cose sembrano andare nuovamente per il meglio. La famiglia di lui è ovviamente adorabile e perfetta, e la sorellina di Christian è molto simpatica e brillante; si divertono tutti ad ascoltarla mentre racconta della sua esperienza lavorativa a Parigi e mentre, senza accorgersene, prosegue nel suo racconto iniziando improvvisamente a parlare francese. E’ Christian che, in un altrettanto perfetto francese (non avevamo dubbi…a proposito: c’è qualcosa che quest’uomo non sa fare??), le fa notare che nessun’altro riesce più a capirla.
In effetti…a chi non è mai capitato di cambiare improvvisamente lingua nel bel mezzo di un discorso? Sono cose che succedono! (bah…)

Tutti ridono, si divertono e l’atmosfera è tranquilla, a parte…a parte il fatto che Anastasia è senza mutande e quindi comprensibilmente a disagio; a parte la mano di Christian che ogni tanto le si posa sul ginocchio e tende sempre a scivolare proprio in “quella” direzione (certo, sei senza mutande e lui lo sa: che ti aspettavi?); a parte la cameriera che lancia occhiate furtive a Christian scatenando la gelosia di Anastasia; a parte le frecciatine lanciate da Kate per far ingelosire Christian.

Non c’è che dire, la “simpatia” che Kate prova per Christian le conferisce proprio un’ottima mira…nel momento in cui chiede ad Anastasia come stava Josè, con cui Anastasia era uscita un paio di sere prima senza ovviamente dire nulla a Christian, l’umore di lui cambia. Si controlla a fatica per il resto della cena ma ad un certo punto, con la scusa di far vedere il giardino ad Anastasia, la trascina fuori. Una volta lontano dagli sguardi della famiglia, lui se la carica in spalla e la porta verso la rimessa.

“Perché?” chiede lei.
“Perché ho bisogno di stare da solo con te”
“Perché?”
…la risposta è talmente ovvia da essere quasi noiosa:
“Perché voglio sculacciarti e poi fotterti”

Ci risiamo…
Veronica

1 commento:

  1. Ahahaha!Ma questa rubrica è bellissima!! :DE diciamocelo. 50 blablabla si presta particolarmente!! :D

    RispondiElimina

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)

Goodreads

2017 Reading Challenge

Red Kedi has read 0 books toward her goal of 100 books.
hide

Red Kedi's bookshelf: read

Florence Foster Jenkins
liked it
tagged: cartaceo and case-editrici
Speciale oroscopo Natale
liked it
tagged: case-editrici
Suki-tte Ii na yo, Volume 14
it was amazing
tagged: cartaceo and manga
Suki-tte Ii na yo, Volume 13
it was amazing
tagged: cartaceo and manga

goodreads.com

Visualizzazioni totali

Riconoscimenti

Riconoscimenti

Advertising

Advertising

Ambassador

Ambassador

Contact Us

Nome

Email *

Messaggio *