lunedì 18 febbraio 2013

Sparlando di...... #22 (il ritorno)

Rieccoci ad una nuova puntata ^^

"Quando Anastasia Steele, graziosa e ingenua studentessa americana di 21 anni incontra Christian Grey, giovane imprenditore miliardario, si accorge di essere attratta irresistibilmente da quest’uomo bellissimo e misterioso. Convinta però che il loro incontro non avrà mai un futuro, prova in tutti i modi a smettere di pensarci, fino al giorno in cui Grey non compare improvvisamente nel negozio dove lei lavora e la invita ad uscire con lui. Anastasia capisce di volere quest’uomo a tutti i costi. Anche lui è incapace di resisterle e deve ammettere con se stesso di desiderarla, ma alle sue condizioni. Travolta dalla passione, presto Anastasia scoprirà che Grey è un uomo tormentato dai suoi demoni e consumato dall’ossessivo bisogno di controllo, ma soprattutto ha gusti erotici decisamente singolari e predilige pratiche sessuali insospettabili…"

Sparliamo un pò...  Anastasia ci sta proprio comoda in prima classe, tanto che sembra disposta a perdonare l’invadenza di Mr.Grey. Suvvia, chiunque sarebbe capace di perdonare una tale insolenza dopo un massaggio, una manicure e due calici di champagne!
Ma ad Anastasia non basta, vuole un brivido in più nella sua giornata. Così apre il suo MacBook e, augurandosi che sia vero che riesce a connettersi da qualsiasi angolo del pianeta (mai sentito parlare di reti wi-fi, vero?) scrive una mail a Christian ringraziandolo di averle dato la possibilità di incontrare Jean-Paul il massaggiatore, un giovanotto attraente e, non c’è nemmeno bisogno di dirlo, biondo.
Sembra che non esista un altro colore di capelli, nel mondo incantato di E.L.James…
Da questa prima mail parte un veloce scambio di battute piccanti ed allusive tra i nostri eroi, in attesa che parta l’aereo che porterà Anastasia da sua madre.
E qui, seduta comodamente in una poltrona di prima classe accanto ad un posto che rimane vuoto, Anastasia ha per la prima volta la sensazione che Christian non abbia solo cambiato il suo biglietto, ma che abbia addirittura deciso di seguirla. La cosa le fa un po’ paura, soprattutto dopo aver provocato in quel modo il suo signore via mail…ma quando l’aereo parte e il posto rimane vuoto, Anastasia si tranquillizza e, allo stesso tempo, ne rimane delusa: niente Christian per quattro giorni!
Per fortuna lei passerà quasi tutto il periodo del viaggio a sonnecchiare su morbide poltrone di prima classe, così non ci tocca leggere troppo a lungo il complicato corso di pensieri da quindicenne della nostra protagonista. Durante lo scalo lei ha solo il tempo per scrivere una mail tormentata al suo Christian, nella quale afferma di essere spaventata ma attratta da lui, di volere di più ma di aver paura di quello che potrebbe succedere, concludendo il tutto con un “mi manchi” (di già?).
Abbiamo però giusto qualche riga per tirare un sospiro di sollievo prima che l’aereo atterri a destinazione, dove Anastasia può finalmente abbracciare sua madre, inondando lei e suo marito di lacrime di commozione (oppure no?).
Inizia così questa breve vacanza di Anastasia, che viene bombardata di domande da parte di sua madre, ovviamente curiosa di sapere tutti i dettagli a proposito di questo meraviglioso uomo che fa girare la testa a sua figlia. Domande alle quali Anastasia risponde in modo molto evasivo, ha firmato un accordo di riservatezza in effetti…ma, sinceramente, voi raccontereste a vostra madre una storia di quel genere??
Dopo una serata passata cenando al golf club, con il fantastico vestito di Kate, lei e sua madre passano la giornata successiva a fare shopping…finalmente qualcuno si è accorto che la signorina ha bisogno di abiti suoi, invece di rubare sempre quelli della sua amica!
Per tutto il tempo Anastasia pateticamente controlla di nascosto il suo Blackberry, in attesa di un qualche messaggio dal suo principe azzurro, e scopre che lui passerà la serata con Mrs Robinson, la donna che ha fatto di Christian Grey un dominatore.
La gelosia prende il sopravvento ed Anastasia qui proprio non ce la fa a risparmiarci le sue paturnie da quindicenne…poveri noi! E povero anche Christian, che legge il tutto via mail!
Ad un certo punto però, quella sensazione che Anastasia aveva già provato in aereo seduta di fianco a quel posto vuoto, fa di nuovo capolino…Christian le scrive: “Quanti Cosmopolitan hai intenzione di bere?”
Maledetto stalker…


Veronica

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)

Riconoscimenti

Riconoscimenti