venerdì 26 settembre 2014

We know something new #28

Buon pomeriggio..... Siamo quasi alla fine di questo giro con Alessia ma non preoccupatevi, è sempre così disponibile che potrete contattarla ogni volta che vorrete! (Ale, non mi uccidere ahahahah)
In questi Venerdì vi ho parlato delle prime tre autopubblicazioni.... adesso ci incamminiamo verso l'ultima novella, piccolo assaggio prima della fine.

(immagine copertina creata solo per questo post)
Titolo: F.R. 983 (La Trilogia di Lilac #2.5)

Genere: Distopico, Young Adult.
Data di pubblicazione: 7 Maggio 2014
Editore: Questo romanzo è autopubblicato
Disponibile: nella sezione Extra del blog dedicato a Segreto

Trama: “Pensa quello che vuoi,” dico, stringendo i pugni. “Tu non mi conosci. Tu non sai cosa ho vissuto. Tu non-"
“Io so che lì,” dice indicando le case, “ci sono delle donne che hanno messo la loro vita e quella dei loro figli nelle tue mani. Sono donne spaventate e insicure, che hanno bisogno di qualcuno che le guidi, di qualcuno che sappia cos’è il coraggio. Hanno bisogno di qualcuno in grado di mettere da parte i demoni del passato, Baguette, e di guardare al futuro. Pensi che i giorni che verranno saranno fatti di musica e caramelle? Pensi che assistere ad un parto sia la cosa più complicata in questo mondo? Se è questo il tuo atteggiamento, se pensi di essere superiore a questo mondo e a quelle donne dimmelo ora, per piacere. Perché non intendo lasciarle nelle tue mani. Non intendo lasciare mia figlia nelle tue mani.”
Lo sguardo che le lancio è di odio puro. “Con che coraggio parli di Lilac. Tu,” dico, puntandole un dito contro. “Proprio tu, che l’hai abbandonata.”
“Vuoi fare a gara a chi ha più colpe nei suoi confronti? Vinco io, non credere che non lo sappia.”

Vi ricordo che se volete seguire ogni aggiornamento, potete seguirla sul suo personale BlogOppure sulla sua pagina Facebook. 

Settimana prossima scopriremo l'ultima tappa! Non mancate ;D

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)