martedì 18 ottobre 2016

Red Kedi and fluorescent green nail polish (Ildefonso Falcones)

E mentre lui mi firmava la copia, io cercavi di tradurre dal cirillico antico all'italiano!
Oh ragazzi, sapete chi è l'omino buffo vicino a me? 
No??
Ma come?!
Eddai, è facile... lui è Idefonso!
Su dai, lo conoscete bene. Avrete sicuramente visto i suoi mat... ehm, libri in libreria. "La regina scalza", "La cattedrale del mare" ed il più recente "Gli eredi della terra" (ovvero il seguito della Cattedrale). 
Il 10 ottobre ho avuto l'onore ed il piacere di andare direttamente da lui a parlargli (insieme ad alcune donnine che tanto adoro) e ragazzi, che spasso! Voi però non potete immaginare l'epopea per arrivare all'incontro sana e salva.... ma adesso vi spiego (ovvio, no??)

Prima di tutto, devo confessarmi.
Non avevo mai letto nulla di Idefonso e quindi, quando mi è stato proposto di andare all'incontro, dentro di me è partito il classico dibattito.


"oh, figo! Andiamoci!"
"Si, ok.. ma chi è sto tipo?"


"Boh, lo scopriremo in questi giorni!"
"L'evento è tra tre giorni, come possiamo arrivare preparati?"
"Stufoso che sei! Non bisogna essere delle cime per documentarsi un pò"
"Eh, non ci vorrà na cima, però novecento pagine mica riusciamo a leggerle!"
"Quindi? Tommaso già lo sa. Mica è scritto nel contratto... e poi, vuoi mettere? Possiamo conoscerlo!"
"Si, bello. Se poi scopriamo che è un buzzurro antipatico?"


"Ma perchè tutti gli sconosciuti devo esser classificati così?"
"Perchè sono realistico.."
"Stufoso sei! Noi ci andremo. Punto"
"Ma no! Che figura ci facciamo poi?"
"Figura con chi? Conosciamo almeno la metà dei partecipanti"
"Appunto. No, non ci andiamo!"
"Contaci..."


Diciamo che solitamente, ho Mimì e Cocò che battibeccano nella testa ma giovedì sera, dopo aver bevuto un paio di birre e aver brindato con un bicchierino di non so che cosa, la decisione è venuta da sè.... Non avevo contato però un piccolo dettaglio. 
Solitamente entro in ufficio alle 9 ed esco alle 18. 
Facendo la pendolare, non ho grossi problemi ma prendere un'ora di permesso, mi sembrava un pò ridicolo... così, chiedo candidamente a Fidanzato di alzarsi un'ora prima per essere in ufficio ad un'orario decente. Ovviamente lui, che mi supporta sempre, ha accolto con entusiasmo la cosa! 

"Moruccio, non è che caso, lunedì riusciamo ad uscire un pò prima da casa?"
"... quanto prima?"
"Ehm... un'oretta..."
"Che cav... Chi devi incontrare?"
"Uno scrittore"
"Ovviamente..."

Io so di avere un Fidanzato magnifico. Infatti sono arrivata corretta in ufficio, per poter uscire prima ma lo sapete vero, che la sfiga è la mia ombra? 
No? 
Strano!
Perchè ovviamente, alle 16.50 spaccate, arriva la chiamata disperata di uno a cui devo sistemare la vita. Mica robina veloce da nemmeno due minuti di chiamata! Quasi venti minuti di puro sclero e conseguente ritardo. Ovvio. 
Ovvio anche che io sapevo dove andare, eppure mi sono persa comunque. 
Dovevo recarmi in albergo e non uno piccino ed insulso inculato chissà dove ma all'Hotel Principe di Savoia che per chi non lo sapesse è grande e grosso! Eppure... 
Però dai, anche se con del ritardo, non ho interrotto nulla perchè tutti erano ancora a prendere il caffè. Che culo. 

Credo che Idefolso non fosse stato "preparato" alla quantità di ragazze. 
Eravamo in sette su otto "intervistatori" ma dopo un secondo di sorpresa... ragazzi, che tipo! Non bello, per me ormai è troppo maturo ma i modi... Ragà, non potete capire! 
Tralasciando il fatto che sentirlo parlare in spagnolo, per me è na roba che non posso nemmeno spiegarvi ma è stato gioviale, sempre sorridente e premuroso (soprattutto con Elisa che aveva una tosse micidiale!) 
Mimì e Cocò sono tornati a farsi sentire, tanto per non farmi sentire sola ma sappiate che qualche battutaccia è venuta fuori anche tra alcune di noi, senza farci sentire (troppo) dal resto dei partecipanti! 

Sono felice di esserci andata. 
Mi sono fatta conquistare dalle parole di Ildefonso e mi è nata quella voglia sincera di scoprire cosa succederà al protagonista Hugo. 


Qui sotto vi riporto l'intervista (che doveva durare appena 45 minuti ma alla fine siamo andati avanti quasi tue ore ahahahahahahah) che è stata registrata e trascritta da Elisa del blog Devilishly Stylish.


Cosa succede quando si torna a parlare di un mondo che ai lettori è piaciuto così tanto? 
Si avverte molto la pressione di dover piacere tanto quanto la prima volta?
No, perché non credo sia possibile lavorare sotto una simile pressione, è impossibile.
Non si può pretendere sempre di superare i record già raggiunti.
Bisogna dedicarsi anima e corpo a ogni nuovo progetto, essere soddisfatti di quello che si è fatto; poi, se il nuovo progetto avrà lo stesso successo del precedente andrà benissimo, altrimenti pazienza.
Se poi andrà meglio, sarà meraviglioso.
Bisogna assolutamente dimenticarsi della pressione.
Io ho lavorato trentacinque anni come avvocato e ho imparato qualcosa da questo mestiere: puoi vincere un primo processo, poi un secondo e un terzo, ma prima o poi arriverà una causa che perderai, perché non si può vincere sempre.
Devi essere in grado di incassare anche una sconfitta, quando sai di aver dato comunque il meglio di te stesso.

Perché è difficile oggi trovare dei romanzi basati come i suoi su principi come impegno, volontà, bontà? Pensa prima ai principi su cui costruire la storia o viceversa?
I principi illuminano tutto il romanzo. I miei personaggi non potrebbero funzionare secondo quei  principi  che contribuiscono a creare una maggiore empatia da parte del lettore. È normale che i personaggi abbiano in sé determinate virtù come essere leali, lavorare per la famiglia e i figli, lottare per le ingiustizie, tutte cose che dobbiamo affrontare anche noi nella nostra quotidianità, ricordandoci però che i mali estremi contro cui si ritrovano a lottare i protagonisti non sono certo gli stessi con cui dobbiamo fare i conti noi oggi .
Trasferire tutte queste qualità umane in una trama è quello che io penso di fare, e non credo che potrei inventare personaggi con qualità diverse, o scrivere storie con meccanismi differenti, ma non credo nemmeno che susciterebbero lo stesso tipo di interesse in chi legge.
Penso che la maggior parte dei lettori provi una maggiore empatia per i personaggi che agiscono secondo sani principi, soprattutto se sono sfortunati.

Sempre parlando dei suoi personaggi, come mai è così cattivo con loro? 
Fa succedere loro proprio di tutto e di più, fino a rischiare continuamente la vita, e a subire torture di ogni tipo.
Ai personaggi succede come nella vita normale, quando tendiamo a ricordare più gli aspetti negativi dell’ esistenza rispetto a quelli positivi   Hugo ottiene una vigna, una figlia, l’amore, perde queste cose ma poi le ritrova e la storia finisce bene. In un romanzo d'avventura non possono mancare colpi di scena e disgrazie. Non voglio fare paragoni troppo forti,  ma per me il romanziere d’avventura per eccellenza è Dumas e nei suoi romanzi accade di tutto e di più.
Io non voglio essere cattivo con i miei personaggi, perché alla fine le cose si chiudono sempre positivamente per loro, ma penso che senza rovesci e disgrazie la storia non sarebbe altrettanto avvincente. Non faccio mai morire i personaggi a cui tengo veramente.

Com'è nato il personaggio di Hugo, il protagonista?
In Hugo c’è molto dei tre moschettieri, che difendono a spada tratta la regina pur sapendo che è infedele al marito. Sono personaggi nobili, che lottano contro l’ingiustizia. Non so se Hugo sia un eroe a tutti gli effetti, ma possiede alcuni valori e principi come la voglia di combattere l’ingiustizia, il desiderio di vendetta.

Come mai ha scelto proprio questo preciso momento della Barcellona medievale?
Barcellona è la mia città e quindi per me era più facile studiarla.
Volevo parlare di un periodo in cui la città è stata veramente importante, e potesse quindi offrire molto ai lettori in termini di fascino e attrattiva.
Allora era una delle maggiori metropoli del mediterraneo, molto ricca, richiamava a sé abitanti da altri luoghi e questo comportava l’unione di usi e costumi diversi.

Sarebbe in grado di ritrovare nella Barcellona contemporanea i valori e i principi su cui costruire i suoi personaggi?
Sì, credo, di sì. Barcellona è una grande città, come Milano.
La trama fittizia del romanzo storico si potrebbe adattare anche al ventunesimo secolo, magari lasciando perdere le carceri che oggi non sono più come quelle che ho descritto nel quattordicesimo secolo, ma anche oggi esistono delle forme di schiavitù. Io parlo di passioni umane, d’amore, di sesso, di vendetta e di sentimenti, e tutte queste cose sono sempre le stesse anche oggi,  anche se i principi del lavoro, dell’impegno, e della lotta oggi si stanno perdendo un poco. Nei giovani la necessità di lavorare e d’impegnarsi sembra aver lasciato il posto ad atteggiamenti diversi, come aspirare a creare una “app” da vendere a una società informatica per una cifra da capogiro, risolvendo così la propria vita: ma questo succede a pochissimi, mentre tutti gli altri devono comunque rimboccarsi le maniche e lavorare.

Ha mai pensato di ambientare un romanzo nell'epoca contemporanea?
Sì, ne ho anche scritti, ma sembra che nessuno li voglia. Nel corso della mia vita ho scritto diversi romanzi contemporanei e ho anche cercato di venderli, ma senza risultato, così ho deciso di provare col romanzo storico. Ci sono voluti comunque tre anni per trovare una casa editrice per La cattedrale del mare. In quel periodo avevo scritto un altro romanzo, che ho proposto poi all'editore, ma non c’è stato nessun interesse da parte sua. Visto che a me piacciono il romanzo storico e la casa editrice, e che piaccio al pubblico, non vedo più motivo per incaponirmi a scrivere romanzi contemporanei che non interesserebbero a nessuno.

Lei nei suoi romanzi parla di una Barcellona passata, ricca e indipendente, ma in una recente intervista si è espresso apertamente contro l’indipendentismo catalano. 
Vorrei sapere se a Barcellona è stato in qualche modo coinvolto nella discussione politica generale.
Sì, certo. L’intervista che ho rilasciato al settimanale “Sette” è stata ampiamente ripresa da un quotidiano catalano, che ha scritto un articolo contro di me.
Tutte le opinioni vengono interpretate in modo tendenzioso, a volte ti stritolano quando fai delle dichiarazioni.
Ma se viene da me un giornalista, io preferisco raccontargli quello che penso veramente.

Ha mai pensato di ambientare un romanzo in Italia o le piacerebbe? E se sì, in quale periodo storico?
Mi piacerebbe, e credo che questo piacerebbe molto anche al mio editore italiano,  ma ho due problemi: il primo è che ci sono già ottimi romanzieri storici italiani, che conoscono il paese meglio di me, e il secondo è che io lavoro con una grande quantità di documentazione, consultando fino a duecento libri per ogni romanzo, spesso scritti in uno spagnolo ormai desueto, ma non conoscendo l’italiano difficilmente potrei accedere alle informazioni contenute nei vostri libri, soprattutto se scritti in italiano antico. Comunque non escludo niente: magari potrei farmi aiutare da qualcuno nella fase di documentazione.

Parliamo del processo di scrittura, a cominciare dalla fase di ricerca. 
Lei preferisce fare di persona le ricerche storiche per i suoi libri. 
Segue uno schema particolare? 
Come comincia, e quanto tempo impiega?
Riguardo al tempo, per Gli eredi della terra ho impiegato tre anni, comprensivi anche della parte di ricerca documentaria.
Inizio in modo semplice: in primo luogo, se mi prefiggo di raccontare una storia che dal punto di vista logico prende il via più o meno da quando finiva La cattedrale del mare, il 1387, come è stato per questo romanzo, quello devo fare è vedere cosa succede nella storiografia e attenermi a essa. Non sono io che decido cosa succederà, anche se all'interno degli avvenimenti storici mi posso concedere qualche margine di scelta, concentrandomi ad esempio su alcuni fatti più che su altri. L’importante è far coincidere storiografia e trama fittizia. M’interessa mostrare in che modo gli avvenimenti storici possono influire sulle vite delle persone: ne Gli eredi della terra la distruzione del Ghetto ebraico di Barcellona fa sì che Hugo perda Dolça, il suo primo amore. D’altra parte, m’interessa anche raccontare gli stessi eventi storici. Da questi rapporti di causa ed effetto inizio a scrivere il mio copione, per cui devo sapere già come inizierà e come andrà a finire, e quali saranno i punti fondamentali intermedi. Quando tutto questo inizia ad avere un senso posso mettermi a scrivere.

Il suo lavoro di avvocato incide su o influenza in qualche modo la sua scrittura?
Quasi per niente. Certo, mi ha fatto conoscere tante persone con i loro diversi problemi, ma la professione d’avvocato è estremamente pragmatica, lui deve far prevalere gli interessi del suo cliente su quelli degli avversari. La professione dello scrittore invece è estremamente creativa,  diritto e letteratura sono due mondi diametralmente opposti e i linguaggi non coincidono: è impensabile scrivere un romanzo nello stile usato dagli avvocati per rivolgersi ai giudici. La formazione da avvocato forse mi è tornata utile come metodologia, riguardo alla consultazione e alla ricerca.

Ultima domanda: negli ultimi anni sono esplosi molti “baby scrittori”, persone che prima dei vent'anni hanno già pubblicato un bestseller e sono diventati famosi. Quanto ha influito positivamente in lei il fatto di pubblicare per la prima volta non più giovanissimo, quindi con un’altra testa, un’altra maturità? Cosa sarebbe stato diverso se avesse ottenuto prima la fama del suo primo romanzo?
Forse, se avessi avuto successo con La cattedrale del mare a vent'anni non avrei scritto altri romanzi. Più che uno scrittore tardivo, io sono stato uno che ha pubblicato tardi, perché in realtà scrivevo da sempre. Sicuramente, la stabilità emotiva che avevo a quarantasette anni, con una famiglia e quattro figli e una carriera da avvocato ben avviata, mi hanno fatto capire che come scrittore avevo una libertà totale: potevo farlo oppure no, perché il mio futuro non dipendeva da quello. Del resto, vediamo cosa succede a persone che hanno successo molto presto, come i calciatori: a volte perdono un po’ la bussola di fronte al successo.
Io mi ritengo soddisfatto per come sono andate le cose, che poi a 47 anni non ero poi così vecchio … adesso ne ho 57 e spero che me ne restino un bel po’ ancora da vivere!

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)

Goodreads

2017 Reading Challenge

Red Kedi has read 0 books toward her goal of 100 books.
hide

Red Kedi's bookshelf: read

Florence Foster Jenkins
liked it
tagged: cartaceo and case-editrici
Speciale oroscopo Natale
liked it
tagged: case-editrici
Suki-tte Ii na yo, Volume 14
it was amazing
tagged: cartaceo and manga
Suki-tte Ii na yo, Volume 13
it was amazing
tagged: cartaceo and manga

goodreads.com

Visualizzazioni totali

Riconoscimenti

Riconoscimenti

Advertising

Advertising

Contact Us

Nome

Email *

Messaggio *