giovedì 11 maggio 2017

2ª Tappa "200 HarperCollins Publishers | Papillon


Harper Collins nasce nel 1817 come una piccola tipografia a conduzione familiare a Lower Manhattan ed è cresciuta fino a diventare un gruppo editoriale di portata globale.
Oggi conta più di quattromila dipendenti in 18 paesi, e pubblica libri in 17 lingue per oltre 120 marchi.
Dalle parole del Presidente e CEO di Harper Collins Publishers:
"Questo anniversario, che segna una tappa fondamentale nella storia della casa editrice, ci dà l’opportunità non solo di guardare al passato con orgoglio, ma anche di abbracciare il futuro. Le ambizioni che abbiamo oggi non sono cambiate rispetto all’obiettivo che i fondatori si proponevano di raggiungere due secoli fa: aiutare gli autori e le loro opere a esprimere il loro massimo potenziale e a raggiungere un pubblico il più possibile vasto (ed eterogeneo). Mentre entriamo nel terzo secolo della nostra storia, le nostre risorse, l’energia e la passione continuano a essere concentrate sul mantenere i nostri autori e artisti al centro di tutto ciò che facciamo.
Voglio ringraziarvi perché siete una parte integrante e fondamentale della nostra storia e del nostro futuro. Siamo onorati che abbiate affidato a noi le vostre opere e che siate parte della grande famiglia HarperCollins.
Vi invito ad approfondire la conoscenza della storia di HarperCollins visitando il sito web dedicato al nostro anniversario, www.hc.com/200, e seguendo il gruppo sui social media. Abbiamo pensato a molte splendide iniziative per il prosieguo dell’anno, prima fra tutte il lancio del nuovo sito web, oggi. Se volete saperne di più o se siete interessati a partecipare attivamente alle celebrazioni previste per il bicentenario, cliccate qui.
Con i migliori auguri,
Brian Murray"


Papillon di Henri Charriere

Henri Charrière, called "Papillon," for the butterfly tattoo on his chest, was convicted in Paris in 1931 of a murder he did not commit. Sentenced to life imprisonment in the penal colony of French Guiana, he became obsessed with one goal: escape. After planning and executing a series of treacherous yet failed attempts over many years, he was eventually sent to the notorious prison, Devil's Island, a place from which no one had ever escaped . . . until Papillon. His flight to freedom remains one of the most incredible feats of human cunning, will, and endurance ever undertaken.

Charrière's astonishing autobiography, Papillon, was published in France to instant acclaim in 1968, more than twenty years after his final escape. Since then, it has become a treasured classic -- the gripping, shocking, ultimately uplifting odyssey of an innocent man who would not be defeated.


Sergente N.1 : Benvenuti nella colonia penale della Guyana Francese, dove vi hanno assegnato e dalla quale non vi è modo di evadere. Il primo tentativo di evasione aggiunge due anni di isolamento alla pena già in corso. Il secondo tentativo ne aggiunge altri cinque. Naturalmente le colpe più gravi vengono punite in questo modo. [Ordina di dare una dimostrazione della ghigliottina] Fate buon viso a quello che vi diamo e soffrirete meno di quanto dovreste.

Per festeggiare questo immenso traguardo, ho pensato che sarebbe stato carino parlarvi di un libro molto particolare; Papillon. 
Prima di arrivare al libro, vorrei darvi un'accenno a chi è Henri Charriere....

Condannato nel 1931 ai lavori forzati per un omicidio, del quale si proclamò sempre innocente, fu imprigionato nel bagno penale della Guyana francese, dalla quale tentò numerose fughe dai risvolti drammatici. Tentò la prima fuga appena 42 giorni dopo essere arrivato in Guyana, venendo prontamente riacciuffato. In tredici anni di prigionia tentò nove fughe.

L'ultima evasione, avvenuta dall'isola del Diavolo, lo portò fino in Venezuela, dove riuscì a stabilirsi (il Venezuela , a differenza della Guyana britannica, non aveva infatti accordi di estradizione con la Francia) e a vivere da uomo libero al fianco della sua compagna, Rita. Nel 1967 un terremoto distrusse il night club che aveva aperto a Caracas, e questo fatto lo spinse a scrivere un libro di memorie, Papillon.

Charrière comparve in seguito in un film del 1970 intitolato Fuori il malloppo, conosciuto anche come Popsy Pop, con Claudia Cardinale. Successivamente morì per un tumore alla gola.

Da alcuni biografi di Henri Charriere viene sostenuto che egli poté corrompere alcune guardie nei suoi tentativi di fuga grazie al fatto che deteneva denaro. Siccome la divisa carceraria non aveva tasche, Charriere usava, come molti altri detenuti, un bossolo apribile da infilare nell'ano e quindi molto difficile da scoprire durante le perquisizioni.

Sergente N.2 : Qui la regola è il silenzio assoluto. Noi non diamo ad intendere che riabilitiamo la gente. Non siamo preti, siamo delle macchine. Mediante le macchine gli animali vivi sono trasformati in roba commestibile. Noi trasformiamo gli uomini pericolosi in esseri innocui. E lo facciamo spezzandoli. Spezzandovi nel fisico, nello spirito e qui, nella testa. Qui succedono strane cose. Toglietevi dalla mente ogni speranza.

Dato il tipo, non mi stupisce il fatto che il libro sia molto particolare!

#WhyIRead
Perchè leggo? 

Questa domanda la fanno in molti ed ogni volta, la risposta cambia.
La verità è che ci sono mille modi per spiegare questa passione ma tra le tante motivazioni, c'è anche la voglia di vivere altri mondi e altre emozioni. Leggendo entro in sintonia con il mondo in cui vivo ma anche in quelli che sogno.
Nella lettura, nulla è impossibile!

9 Maggio - Regin La Radiosa - Fahrenheit 451
11 Maggio - Il Bianco e il Nero. Emozioni di una Musa - Papillon
13 Maggio - Le Recensioni della libraia - Un albero cresce a Brooklyn
15 Maggio - Le Tazzine di Yoko - Il diavolo veste Prada
17 Maggio - Il salotto del gatto libraio - The Cat in the Hat

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)