mercoledì 26 luglio 2017

Blood


Titolo: Blood
Autore: Robyn Young
Pagine: 538
Prezzo: € 14.90
Uscita: 22 giugno
Jack Vaughan, figlio illegittimo di Sir Thomas Vaughan, viene inviato da lui in Spagna a custodire un prezioso segreto di cui non conosce l'entità. Nel frattempo il padre è arrestato e fatto giustiziare da Riccardo, conte di Gloucester, che reclama il trono d'Inghilterra. Jack decide così di ritornare in patria, portando con sé il tesoro che qualcuno sta tentando di rubargli. Giunto al villaggio natio, scopre che sua madre è stata uccisa brutalmente da dei misteriosi sicari e che Edoardo, il legittimo erede al trono, è tenuto ostaggio dall'usurpatore; non gli rimane quindi che allearsi con gli oppositori che tramano alle spalle del tiranno e imbarcarsi in una missione per liberare il principino. Intanto, le incessanti lotte per il trono d'Inghilterra, coinvolgono anche Harry, il fratellastro che Jack non ha mai incontrato.

Scarabocchio: Non sono una grande amante dei romanzi storici ma qualche volta, quando la trama mi sembra interessante, cerco di fare delle eccezioni e lanciarmi in una nuova avventura. 
Blood, con le sue cinquecentotrentotto pagine, si piazza in prima classifica per le letture più impegnative di questo 2017. 

Jack è un ragazzo apparentemente abbandonato a se stesso, che cova rancore verso un padre che l'ha lasciato. Sir Thomas però, voleva solo proteggerlo e ben presto, Jack lo scopre sulla propria pelle. 
Tra intrighi di potere e fiducia votata alla persona sbagliata, Blood è un romanzo completo. 

Come dicevo, le pagine non sono poche e ho sempre paura di incappare in una storia pompata più del dovuto ma in questo caso, devo dire che ogni cosa è al suo posto e che non toglierei nulla. 
Robyn Young è già conosciuta per altri romanzi ma questo, il primo di una serie, si è conquistata la mia fiducia. 

Però, non è uno storico fine a se stesso. 
Ci sono molte descrizioni dei luoghi che vengono visitati. Posti che sembra di vivere veramente durante la lettura perché leggendo, sembra di avere davanti agli occhi una fotografia. Si sente il caldo afoso dell'estate, l'odore del mare tipico del porto, si percepiscono gli odori del mercato... tutto, rimanendo seduti a casa. 
Mi sono piaciuti gli intrighi, perché anche se fanno rabbia (dato che noi già sappiamo molti dei tradimenti), sono architettati in modo fine. 
Mi sono piaciute le parti dove c'è azione, dove ci sono dei combattimenti perché oggettivamente, sono una persona a cui piace l'azione e anche una buona dose di sangue. 

Non resta che attendere un seguito, sperando che effettivamente ci sia.

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)