venerdì 9 marzo 2018

5 cose che... #10

5 citazioni preferite dai libri

Espirai piano, mentre le guance mi andavano a fuoco.
«Volevo accettare il tuo invito a cena.»
Gli occhi di Cole s’illuminarono, facendosi ancora piu` intensi. «Fantastico. Hai in mente qualche posto in particolare?»
Esitai, ripensando alla mia ultima cena fuori. «Ti andrebbe un take-away?» Mi sarei voluta rimangiare subito quella proposta. Cavolo, era una domanda proprio assurda e dava pure l’impressione che...
«E se invece cucinassi io?» ribatte´, senza perdere un colpo. «Forse non te lo ricordi, ma a me piace cucinare.» I nostri sguardi s’incontrarono. Me lo ricordavo. Avrei voluto urlare: Certo che me lo ricordo! «A... a casa tua?»
«Se per te va bene.»
Il mio cuore vacillo`. Andava bene per me? Un invito a casa comportava una certa intimita`, ma del resto avevo proposto io di non cenare fuori. Mi strofinai i palmi sulle cosce. «Puo` andare.»
«Facciamo domani sera?»
Oh. Wow. Era prestissimo. Mi prese un po’ d’ansia.
«Io... io credo che vada bene. Devo solo vedere se la mamma puo` gestire...»
«Posso!» urlo` lei dalla stanza accanto. «Ho fatto tutto da sola per dieci anni.»
Cavolo.
«Grazie, mamma», replicai a denti stretti.
-Per sempre mia di Jennifer Armentrout-

Lola e Vladi mangiano e bevono in fretta mentre gli occhi fanno zigozago a destra e a manca. Ogni tanto qualcuno passa, lontano. I due però non si distraggono più di tanto, considerandosi fuori portata.
«Ma io», dice Vladi in vena di riflessioni.
«Io che?»
«Io, dico, cosa ho fatto di male per non poter avere mai dei genitori?» Poi aggiunge con voce tonante: «Nessuno mai. Mio padre boh, mia mamma la vedo una volta all’anno, okay mi sta bene. Ma adesso mia zia è morta, e il comandante anche. Ma perché, io, non posso avere neanche dei genitori finti, cazzo?!»
«Sfiga», risponde Lola.
«Be’.» Il russoschi riflette, e si pacifica. La paura di Vladi era che fosse colpa sua. Che fosse lui, in qualche modo, con qualche suo peccataccio, a causare migrazioni o morie di genitori.
-Favola splatter di Beppe Tosco-

«La verranno a prendere tutti i giorni?»
«Sì, ma smetti di chiamarla per nome. Non devi legarti a lei, è sciocco e doloroso.»
Lo sentii sospirare forte mentre ormai intravedevo soltanto una piccola fessura luminosa.
«Se hanno dei codici distintivi è anche per noi. I loro nomi sono dettagli troppo intimi. Lo capisci, tesoro? Meno sappiamo di loro meno ci affezioniamo. Sono cadaveri ambulanti, Gabriel. Devi piantarla di restare sempre qui a ossessionarti su come passano i loro ultimi mesi.»
Bastarda.
Ma sincera.
In fila come soldatini, aspettavamo solo di sentire l’ordine.
Pronti.
Puntate.
Fuoco.
La sensibilità in tutti i muscoli mi abbandonava velocemente.
Il formicolio alla nuca mi avvertì che un braccio stava scivolando sotto la mia testa. Stessa cosa per l’incavo delle ginocchia.
Poco dopo ero sospesa.
«Dove vai? Ora vengono ad accompagnarla in cella.»
«Non pesa.»
«Gabriel…»
«Gwen, fatti i cazzi tuoi.»
Fu così che conobbi Gab.
-83500 di Michela Monti-

«Hanno minacciato di spararmi, di spedirmi veleno per posta, di mettere una bomba sulla mia auto... Di tutto e di più! Per un anno intero ho avuto il terrore di uscire di casa. Gli unici luoghi che frequentavo erano gli studi per girare la serie e la WizCon per promuoverla.»
«E che cosa hai fatto? Come hai fatto a vincere la paura?»
«Un giorno mi sono svegliato e ho deciso che ne avevo abbastanza» disse Cash. «Ho capito che non importava che cosa poteva accadermi, perché il danno era già stato fatto. Quei fanatici mi avevano già derubato di una vita normale facendomi vivere nel terrore. Solo che mi ci è voluto un po’ per accorgermene. Così ho racimolato tutto il mio coraggio e sono uscito, e sai che cosa ho imparato?»
«Cosa?»
Cash sorrise, sereno. «Ho imparato perché la chiamano aria fresca» disse. «E un giorno lo imparerai anche tu.»
-Altro che Fanfiction di Chris Colfer-

Non è che gli uomini invecchiano meglio delle donne, è solo che a loro permettiamo di invecchiare. 
-I diari della principessa. Io, Leia e la nostra vita insieme di Carrie Fisher-

Rubrica ideata da Twins Books Lovers

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)