martedì 11 dicembre 2012

Consigli di Mamma Chioccia #22

Buon martedì ^^
Rieccoci per un nuovo consiglio, sempre di un libro che devo ancora leggere!

Cecità di Saramago José
"In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza."

Penso che non mi convenga più uscire con gli amici lettori, altrimenti finirò sempre per comprare qualcosa! Dopo mesi che non vedevo un'amico, siamo usciti e ci siamo aggiornati sulle letture. Com'è andata a finire???? Ecco come!!!!!!!!!!!!
Un libro forte, che mi chiama come una sirena... Adoro questo genere di linri, dove mostrano anche il lato brutto della razza umana (non che non mi basti quello che vedo in tv ma nei libri, non è così facile trovare qualcosa di appagante). Un libro che non trova una spiegazione logica, un libro che ti coinvolge fin dentro, un libro che ti scombussola..... Spero di non aver fatto una cattiva scelta. Saprò dirvi...

Anche per oggi ho finito ^^
A presto,
Vostra Mamma Chioccia
 

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)