lunedì 14 gennaio 2013

Sparlando di...... #18 (il ritorno)

Siete carichi???? Oggi è un nuovo lunedì ^^

 "Quando Anastasia Steele, graziosa e ingenua studentessa americana di 21 anni incontra Christian Grey, giovane imprenditore miliardario, si accorge di essere attratta irresistibilmente da quest’uomo bellissimo e misterioso. Convinta però che il loro incontro non avrà mai un futuro, prova in tutti i modi a smettere di pensarci, fino al giorno in cui Grey non compare improvvisamente nel negozio dove lei lavora e la invita ad uscire con lui. Anastasia capisce di volere quest’uomo a tutti i costi. Anche lui è incapace di resisterle e deve ammettere con se stesso di desiderarla, ma alle sue condizioni. Travolta dalla passione, presto Anastasia scoprirà che Grey è un uomo tormentato dai suoi demoni e consumato dall’ossessivo bisogno di controllo, ma soprattutto ha gusti erotici decisamente singolari e predilige pratiche sessuali insospettabili…"

Sparliamo un pò... Il giorno dell’appuntamento con la ginecologa è arrivato. Lei è perfetta e bionda (come tutte le donne di cui si circonda Christian...mi chiedo se non ci sia un criterio particolare di selezione, magari quando vuole assumere qualcuno indice un concorso di bellezza) e si chiama Mrs. Green.
Verde! La signora Verde! Dopo Grigio e Acciaio…quali altri colori verranno introdotti in questo romanzo?

Dopo la visita, i due si rifocillano con una “deliziosa!” insalata di pollo e poi…è il momento di andare a giocare con la X-box.
O meglio, detta con le parole del nostro Christian:”in questo momento voglio solo legarti e scoparti fino a farti perdere i sensi”. Però, che finezza!

Quello che segue è tutto un susseguirsi di battute in perfetto stile padrone – schiava: lui le toglie i vestiti, le ordina di inginocchiarsi in un angolo e di rimanere lì.
Mentre Anastasia se ne sta in ginocchio sul pavimento, lui esce dalla stanza e torna con un frustino di pelle marrone, proprio come quello che aveva sognato Anastasia: che i giochi abbiano inizio!

Christian è un uomo di parola, a quanto pare…Anastasia alla fine perde davvero i sensi. Quando si riprende, lui le dice qualcosa di davvero molto romantico: “direi che sei stata fottuta per bene e hai un gran bisogno di dormire”. Che dire…ogni donna si scioglierebbe come burro al sole dopo una frase del genere!

Christian la prende in braccio e la porta a letto, dove la tiene stretta fino a che lei non crolla addormentata (e, dopo tutta la ginnastica che lui le ha fatto fare, non ci vorrà molto tempo).

Attendiamo il prossimo patetico capitolo…sogni d’oro, Anastasia!

Veronica

2 commenti:

  1. Oh mio dio.. ma che schifezza è?che eleganza che ha lo stile di scrittura della signora E.L James -.-

    RispondiElimina
  2. Visto? Una vera principessa! XDCiao!Veronica

    RispondiElimina

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)