lunedì 6 maggio 2013

Sparlando di...... #5

Anche oggi c'è Sparlando di...
Siamo arrivato all'ottavo capitolo! Manca ancora un pò alla fine della lettura ma procede spedita e scopriremo presto quali sono le opinioni della nostra Vero ^^


Warm bodies di Marion Isaac
"R è uno zombie in piena crisi esistenziale. Cammina per un'America distrutta dalla guerra, segnata dal caos e dalla fame dissennata dei morti viventi. R, però, è ancora capace di desiderare, non gli bastano solo cervelli da mangiare e sangue da bere. Non ha ricordi né identità, non gli batte più il cuore e non sente il sapore dei cibi, la sua capacità di comunicare col mondo è ridotta a poche, stentate sillabe, eppure dentro di lui sopravvive un intero universo di emozioni. Un universo pieno di meraviglia e nostalgia. Un giorno, dopo aver divorato il cervello di un ragazzo, R compie una scelta inaspettata: intreccia una strana ma dolce relazione con la ragazza della sua vittima, Julie. Un evento mai accaduto prima, che sovverte le regole e va contro ogni logica. Vuole respirare, vuole vivere di nuovo, e Julie vuole aiutarlo. Il loro mondo però, grigio e in decomposizione, non cambierà senza prima uno scontro durissimo con..."

Sparliamo un pò... R. viene trascinato fuori dal suo stato comatoso da grida provenienti dalla sezione partenze.
Si alza barcollando, sputa qualche insetto dalla bocca (che schifo…) poi finalmente capisce che è il caso di allarmarsi e si mette a correre.
In effetti la situazione è critica, gli zombie hanno accerchiato Julie e la vogliono trasformare in aperitivo. La ragazza è terrorizzata ma determinata a rimanere in vita e si difende come meglio può con un tagliaerba.
R. corre subito in suo aiuto, tentando di fermare l’avanzata degli zombie con l’aiuto di pugni e del suo limitato vocabolario. E’ talmente accecato dalla rabbia che non si accorge nemmeno di aver tirato un pugno al suo amico M. e di avergli deformato la faccia.
All’improvviso il tempo sembra fermarsi e una delegazione di Ossuti (gli zombie più antichi) esce dalla loro struttura di scale e si trascina barcollando verso R e Julie.
L’Ossuto che si avvicina alla coppia non parla, emette solo un profondo brontolio; fissando il giovane negli occhi, gli porge delle fotografie di una vecchia battaglia per ricordargli cosa i Vivi hanno fatto ai Morti e per mostrare il disappunto della congregazione di anziani (queste figure terrificanti mi ricordano un po’ i Vulturi della saga di Twilight…).
Quando gli zombie finalmente si disperdono e gli anziani se ne vanno, R. rimprovera Julie. La ragazza però non ha tutti i torti; lei se ne vuole andare da quel regno di morte e decomposizione.
R sa che lei ha ragione, ma non può fare a meno di pensare che vorrebbe che lei non se ne andasse mai, che vorrebbe fuggire con lei e trascorrere l’esistenza in sua compagnia.
Uno zombie romantico…chi l’avrebbe mai detto?
Ma anche Julie si sta affezionando a questo strano non-morto, così sensibile e premuroso, così simile ad un Vivo…
Entrambi però sanno fin troppo bene che la vita insieme non è possibile, soprattutto con così tanti pericoli in agguato. Non sono solo gli zombie ad essere pericolosi, ma anche i Vivi…come dice Julie, una ragazza che faceva parte del suo gruppo e che si era nascosta durante l’attacco, ha sicuramente visto R che la portava via ed è solo questione di tempo prima i Vivi scoprano il nascondiglio degli zombie e li attacchino per liberare Julie.
“ok” dice R, “devi…andare. Ma io…vengo con te.”
Questa poi…R, tra un po’ inizierai a perdere pezzi in giro, come puoi pretendere di confonderti con i Vivi??
E Julie la pensa esattamente come me.
R deve riflettere, e per farlo va a trovare il suo amico M.
Dopo avergli chiesto scusa per avergli sfondato la faccia, gli spiega la situazione. Di fronte alla evidente serietà della cosa, M si dimostra il solito immaturo: la prima domanda che rivolge a R. è infatti: “com’e? Sesso…con Vivi?”
Beh, che tocco di classe…
Alla fine però, si dimostra un vero amico; una volta compresa la determinazione di R, gli chiede se sta bene e gli fa capire che lui sarà sempre lì, pronto ad aiutarlo e a sostenerlo. Non ci avrei mai creduto, ma questi zombie hanno davvero un cuore!

Veronica

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)

Goodreads

2017 Reading Challenge

Red Kedi has read 0 books toward her goal of 100 books.
hide

Red Kedi's bookshelf: read

Florence Foster Jenkins
liked it
tagged: cartaceo and case-editrici
Speciale oroscopo Natale
liked it
tagged: case-editrici
Suki-tte Ii na yo, Volume 14
it was amazing
tagged: cartaceo and manga
Suki-tte Ii na yo, Volume 13
it was amazing
tagged: cartaceo and manga

goodreads.com

Visualizzazioni totali

Riconoscimenti

Riconoscimenti

Advertising

Advertising

Ambassador

Ambassador

Contact Us

Nome

Email *

Messaggio *