giovedì 22 agosto 2013

Il castello della Regina

In una montagna sopra Brembilla, tra Sant'Antonio Abbandonato e la forcella di Bura, c'era un castello che era comandato da una regina. Era una donna forte e guerriera, andava sempre in testa ai suoi soldati nelle battaglie e ritornava ogni volta vittoriosa al suo castello. Quando ritornava dalle sue guerre, appena giunta a Gualguari (questo luogo e' attualmente il centro del paese di Brembilla) si fermava nella piazza e provvedeva ad impiccare i suoi nemici, i traditori e i prigionieri. Quando li aveva tutti impiccati, ripartiva per risalire al suo castello e dopo nessuno piu' poteva vederla per molto tempo.
Un bel giorno una staffetta porta alla regina questa notizia: in una localita' detta Lasiol, si era accampato un re con molti suoi soldati; questo re aveva una corona tutta d'oro, sacchi pieni di marenghi e un vitello tutto d'oro. La regina udita la notizia, raduno' tutti i suoi soldati e raccontata la cosa, promise che avrebbe lasciato a loro tutto l'oro che avrebbero conquistato; per se' avrebbe tenuto soltanto il vitello d'oro e la corona. La stessa sera l'esercito della regina parti' per la guerra e durante la notte, si preparo' per la battaglia.

Era una notte d'agosto e c'era la luna piena; a mezzanotte i soldati della regina cominciarono l'attacco, che e' durato fino a tanto che il re si e' messo in fuga verso le rocce dell'orrido al di la di Brembilla; dall'orrido una alla volta precipitarono nel burrone ma il re prima di morire, mando' una maledizione alla regina che aveva preso il suo vitello d'oro: infatti questo vitello era simbolo della sua religione. La regina torno' al castello vittoriosa portando con se' il bottino di guerra; la corona del re e il suo vitello d'oro. Senonche' quando era gia' ritirata nella sua stanza, si scateno' un furioso temporale che faceva tremare la montagna e le muraglie del castello; e dopo poco tempo la terra si spalanco', si aperse una voragine cosi' grande che inghiotti' tutto e tutti: la regina, il castello e il vitello.

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)