martedì 3 settembre 2013

Il Drago volante di Santa Brigida

Il Drago Volante (cosi' chiamato) abitava nei dintorni di Santa Brigida oggi luogo di villeggiatura, ben noto a tanti. Nessuno sapeva pero' dove avesse la sua tana, quando appariva come una furia, scoperchiava i tetti delle case con lo sbattere delle ali e poi spariva non dimenticandosi pero' di portarsi via qualche agnello o capretto. Quando poi il drago decideva di avventurarsi sulle sue prede di notte, si calava dal cielo tenendo tra le zampe 2 grosse gemme che utilizzava per illuminarsi il cammino. Un giorno un certo Bulgher, uomo forte e astuto, decise di sfidare il drago. Il Bulgher di Santa Brigida riusci' a scoprire dove il drago si rifugiava: le pendici del Monte Pugna.

Una notte quatto quatto con una cappa nera sulle spalle, sali' sul pianoro e approfittando di un attimo di distrazione del drago si avvento' su una delle due gemme fosforescenti ma appena la tocco' lancio' un urlo mentre intorno a lui si scatenava l'inferno.... vento e tempesta scuotevano gli alberi del bosco. Quella furia si placo' solo al mattino, Bulgher piu' morto che vivo per lo spavento, torno' al paese di Santa Brigida con le mani ancora bruciacchiate e per cento e cento volte ripete' quello che gli era successo e per secoli lo ripeterono i nonni ai loro nipoti.

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)

Riconoscimenti

Riconoscimenti