venerdì 24 gennaio 2014

Chi aiuta i malvagi, poi se ne pente

Un tale vide un serpente intirizzito dal gelo.
Si impietosì e lo raccolse nel suo grembo,
per riscaldarlo.
Il serpente, appena si riprese,
con uno scatto fulmineo lo morse, e quello morì.
Quando un altro serpente chiese
perché aveva commesso quel delitto, rispose:
<< Perché nessuno impari
a far del bene ad esseri malvagi. >>

1 commento:

  1. La metafora è sicuramente bella, però vabbe.. Non mi piace molto come è stata esposta.

    RispondiElimina

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)