mercoledì 13 luglio 2016

Blogtour: OVER2 di Sabrynex - 5° Citazioni


Buongiorno a tutti! 
Come potete notare, è in corso un blogtour per la seconda uscita di Over, scritto dalla giovane Sabrynex. 
A brevissimo arriveremo alla fine di questo giro e quindi, per tentarvi ancora di più, oggi tocca a me direttamente con le due citazioni che più sono piaciute alla nostra scrittrice :D

Andiamo con ordine però!

Titolo: OVER 2. Camminiamo nel vento
Autore: Sabrynex
Pagine: 364
Prezzo: € 16 cartaceo - € 9.99 ebook
Uscita: 30 giugno 2016
Trama: «È passato più di un anno da quella sera. Da quando Hunter è stato portato via da me, sbattuto in prigione, il mio cuore è andato in mille pezzi, perché quello per cui ho sempre lottato mi è scivolato dalle mani come sabbia, portato via dal vento. E ho dovuto arrendermi all'evidenza: non esiste un modo giusto per amarsi, e spesso le persone, soprattutto quelle che ti amano, ti feriscono.
Io ho fatto l’unica cosa possibile: ricominciare. La Cher di una volta non esiste più, e ora con Trenton mi sento protetta da un amore rassicurante quando lui mi guarda con i suoi occhi verdi. Finalmente posso vivere la normalità che avevo tanto desiderato ed essere felice. Il passato, le gare clandestine e i brutti giri di un tempo me li sono lasciati alle spalle, insieme a Hunter, per fare spazio alla mia nuova vita al college, circondata da amici, e a Trenton, che illumina le mie giornate. Ma oggi lui, il mio bacio senza fine, il miglior brivido della mia vita, è tornato e le mie certezze sono crollate, ancora una volta. Io e Hunter siamo un intreccio impossibile, un paio di auricolari che si aggrovigliano un secondo dopo essere stati sistemati, un errore che non puoi evitare di ripetere. Io, però, non voglio più
sbagliare… posso rinunciare a un ragazzo d’oro come Trenton per un cuore nero come Hunter?»

Passiamo alle cose tecniche!

Venerdì 1 luglio
1. Intervista con l'autrice e scheda dei libri

Mercoledì 6 luglio
2. Playlist

Venerdì 8 luglio
3. Come nascono e l'evoluzione delle lotte clandestine

Lunedì 11 luglio
4. Schede personaggi

Mercoledì 13 luglio
5. Citazioni preferite della scrittrice
Il Bianco e il Nero. Emozioni di una Musa

Venerdì 15 luglio
6. Recensione 

Lunedì 18 luglio
7. Estrazione vincitore
Evento Facebook

Le regole per partecipare:
Essere lettori fissi di tutti i Blog
Seguire la pagina di Over (è facoltativo ma se volete, ecco il profilo Wattpad)
Seguire la pagina Rizzoli
Commentare tutte le tappe 
Lasciare un'email e il nominativo con cui si seguono i blog
Seguire l'evento su Facebook (dato che il vincitore sarà annunciato lì lunedì 18 luglio)


Bene, tutto chiaro? Su dai, sono certa di si! 
Passiamo ora al vero nocciolo di questa tappa... ecco le due citazioni preferite di Sabrynex ed il "perché" proprio queste. 



Over - Un'overdose di te

"C'è bisogno di questo contrasto, c'è bisogno del bianco e del nero. C'è bisogno della purezza e del peccato, di odiarsi e di amarsi, c'è bisogno di stare insieme. Noi non possiamo essere grigi, Cher, noi abbiamo bisogno l'uno dell'altra."

Questa frase la dice Hunter, il protagonista, dopo aver litigato per l'ennesima ed ultima volta con Cherie. Adoro particolarmente questo pezzo perché racchiude tutto il significato della storia che ho voluto mettere in scena. Gli opposti che non hanno vie di mezzo. Purezza e peccato. Loro due. Non per nulla il simbolo di questo primo libro, la collana che lui regala a Cher, è lo yin e lo yang. Hunter, ed io, pensiamo che non esista il grigio. Non esista una via di mezzo, non per lui, almeno. Il bianco e il nero si legano perché non esiste altro, perché sono gli unici colori che restano tali, che non si sfumano e, loro, come i loro colori, non cambieranno mai per nessuno. È per questo che si capiscono, che si vogliono.




Over - Camminiamo nel vento

"In quest’arco di tempo ho visto l’amore in tutte le sue sfumature, e l’ho amato in ognuna di esse. Ho sempre pensato che 
qualcosa di così grande, di così complesso, non sarebbe mai stato possibile da comprendere. Perché i poeti scrivevano d’amore anche quando questo faceva tanto, tanto male? Perché quando il mondo intero era in guerra loro si rifugiavano in questo, nell'amore scritto, non vissuto. Perché l’amore può essere provato anche su carta, non solo su pelle, perché un giorno ti innamorerai 
di una persona in un libro o in una poesia."

Questo pezzo qui lo adoro perché spiego che, prima di innamorarti di un'altra persona, passo ad un amore più sentito, astratto. Pensi di non capire cos'è l'amore, quando puoi perdere la testa per un verso, per una frase.  Penso che attraverso la lettura, non solo di romanzi, si possa capire cos'è l'amore senza averlo mai provato su pelle. Penso che sia il potere più grande che hanno i libri.

7 commenti:

  1. Oddiooo che citazioni bellissime, fantastiche entrambeeeee *_* Muoio dalla voglia di leggere questo seguito, Ne voglio altreeee voglio capitoli non solo citazioni ahahaha *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alegulino2002@gmail.com iscritta ai lettori fissi come Alessandra Gulino

      Elimina
  2. Belle entrambe le citazioni ma quella di Hunter la sento più adatta a me
    Condivisione
    https://twitter.com/MichelaFiorelli/status/753255852727996416

    RispondiElimina
  3. Overdosw d'amore è quella che mi ha più colpito..sono d'accordo con l'autrice quando dice che attraverso la lettura si possa capire cos'è l'amore...in alcuni libri che ho letto l'ho sentito in maniera particolare..
    https://twitter.com/bebatag/status/753262150005776385
    email bebatag@gmail.com
    lettrice fissa isabella mantovani

    RispondiElimina
  4. citazioni davvero belle, da leggere e rileggere

    RispondiElimina
  5. Citazioni bellissime, colme di sentimento.
    E si, sono d'accordo con l'autrice sul fatto che i libri possano in qualche modo farti "percepire" l'amore.

    RispondiElimina
  6. Bellissime citazioni, mi ha colpito specialmente la prima, le parole di Hunter sono vere. Non possiamo essere grigi,in ogni relazione c'è un bianco e un nero che solo completi creano la perfezione

    RispondiElimina

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)