giovedì 14 luglio 2016

Red Kedi and fluorescent green nail polish (voglia di ferie)

Effetti allucinogeni post Salone del Libro 2016

Voglia di mareeeee....
Voglia di ferie.... 
Voglia di fuggire e stare lontana dalle fesserieeeeeeeeeee...!!!!!!!!!!!!

No, non mi sono bevuta il cervello, o forse si. Dipende dai punti di vista.
Però in effetti no, quantomeno sono coerente con il mio modo di vivere la giornata e questo posto. Certo, lo so. Tutto bianco e nero che fa molto effetto şık (o chic) ma sinceramente, se mi avete visto almeno una volta dal vivo, fine proprio non sono! 
Comunque, siamo in pieno luglio e tutti fuggono per il mare o per posti esotici, con l'idea di rilassarsi e prendere la tintarella (mortacci vostra, io mi scotto in tempo zero.. come fate??) o scoprire posti evocativi. 
Io no. 
Si si, poi andrò via anche io ma a settembre, quando voi sarete rientrati e potrò farvi rosicare (occhio per occhio) ma non è questo il punto. Il dramma è che voi state a sclerare su cosa portarvi via da leggere ed io vivo la vostra ansia, facendola mia. Perché?! Insomma, partite voi, mica io! Salamadonna, però ecco, ho fatto almeno otto pile con i libri dell'estate che vorrei leggere. 
Tutte ordinatamente suddivise per location (che mai vedrò), durata del viaggio e idea di "svago". 
Voi non potete capire! Mi concentro così tanto sui vostri viaggi che poi, quando partirò io, ciao. Correrò con affanno. 

Se ci penso però, corro da tanti anni. All'incirca da quando ho il blog. 
Non ci pensate mai a tutto il tempo che dedicate a questa passione? Ore e ore a scegliere un libro, a capire cosa portarsi tenendo presente mille cose (i giorni di ferie, cosa si vuole fare, se ci sono altre librerie lì, il peso limite della borsa) e poi, mandare in vacca tutto perché lo sappiamo bene, il 90% dei libri che ci portiamo via è un "non si sa mai". 
Qualche volta non vi stancate di tutta questa ansia? Di tutto questo correre? Insomma, su queste cose non andiamo mai in ferie, siamo sempre connessi... si, ho decisamente bisogno di ferie! 

Non vedo l'ora di partire anche perché ho bisogno di sbollire. 
Si, io ho sempre bisogno di sbollire. Ho sempre detto di avere un carattere di merda, mica ne faccio mistero! 
Il fatto è che non sono sempre io ad avere un brutto carattere ma gli altri che boh, si meriterebbero solo parolacce. 
Tipo? 
Avete presente le piccole Case Editrici? Quelle dove collaborare è difficile perché sono reticenti anche solo a mandarti del materiale per le anteprime? Ecco, prendetene una a caso, accordatevi per una serie di interviste, preparate il materiale e poi mandate tutto. Ecco, avete fatto? Ora aspettate. 
Aspettate. 
Aspettate ancora.
Suvvia, non siate così frettolosi. 
Ancora un pochino.
Ok, vi siete stufati, vero? Ed io con voi. 
Insomma, com'è possibile che dopo quasi due mesi, non ci siano ancora le risposte? Ma dai. 

Però insomma, voglio partire anche perché una volta raggiunta la destinazione, più che camminare e leggere non farò. 
Sapete cosa vuol dire leggere in un bosco? Paradiso. Immenso e assoluto. 

Ok, sto già entrando in paranoia e manca più di un mese alla partenza. Follia. 
Ferie, ferie, ferie, ferieeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Magari per distrarmi, in questo periodo vi parlerò ancora di me e del mio mondo libresco. Proposte? Oppure mi preferite in religioso silenzio? ahahahahahah 

4 commenti:

  1. L'attesa delle ferie ti fa male.. Fa male anche a me son già in ansia per il meteo e come tu ben sai so cosa vuol dire leggere in mezzo al bosco... E non vedo l'ora!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    XD
    Fede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahahahah si si, bello leggere in mezzo al bosco sotto la pioggia....... XD
      Sarà la volta buona che mi faccio regalare il kindle resistente all'acqua! Che poi, te parti prima di me... ormai sei già pronta ahahahah

      Elimina
  2. L'ansia, questa fedele - fin troppo! - compagnia di vita. ç_ç

    RispondiElimina

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)