giovedì 22 febbraio 2018

Nome in codice: Eega_Beeva #18


Titolo: Il tristo mietitore 
Autore: Pratchett Terry 
Pagine: 279
Prezzo: € 8.60
Uscita: 2010
Si dice che al mondo niente sia inevitabile, tranne la morte e le tasse. Ma questo forse prima che Morte venisse licenziato in tronco. L'ultima cosa di cui un universo può aver bisogno è di un Tristo Mietitore disoccupato, perché quando un importante servizio pubblico viene a mancare la conseguenza è sempre il caos. Ora Mondo Disco pullula di zombie e non-morti. Reg Scarpa, attivista per i diritti dei defunti, improvvisamente ha molto più lavoro di quanto si sia mai sognato. E il mago Windle Poons, trapassato di fresco, si risveglia nella tomba scoprendo di essere... morto e vegeto. Ma proprio a lui e a un ben poco temibile gruppo di non-morti (Arthur Winkings, per esempio, era diventato vampiro dopo essere stato morso da un avvocato. Schleppel l'uomonero farebbe meglio il suo lavoro se non venisse colto da agorafobia appena fuori dal gabinetto. E Fratello Isolile, l'unica banshee al mondo con un difetto di pronuncia, invece di starsene sui tetti a gridare quando la gente sta per morire, fa passare sotto la porta un bigliettino con scritto 'OOOOeeOOOeecOOOeee') spetta il compito di salvare il mondo dei vivi. Nel frattempo in una piccola fattoria molto, molto lontana, uno straniero alto, scuro e allampanato si rivela particolarmente abile a maneggiare la falce. C'è tanto grano da falciare. E una battaglia diversa da combattere.
Con grandissimo dispiacere, mi sono resa conto di aver tra le mani ormai una delle ultime copie che sono state messe in vendita.
Ovviamente parlo di quella cartacea, perchè l'ebook è ancora disponibile. Comunque, mi fa veramente stranissimo saper di avere una perla, dopo averlo comprato per caso in un giorno di pioggia... Il titolo era azzeccatissimo!!! 
Provo un certo fascino per questa storia ma vorrei affrontarla verso l'autunno. Secondo me, il tempo si addice molto meglio. 

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)