mercoledì 26 novembre 2014

Il volo della Falena

Buongiorno a tutti Pulcini! 
Si, lo so…. Avevo detto che sarei sparita dalla circolazione per un po’ ma cosa volete farci, mi mancate! Però non sarà per molto, l’inaugurazione del mio ritorno effettivo sarà solo verso Gennaio, quindi per ora farò solo un paio di capatine per mostrarvi qualcosa di veramente carino!

Oggi infatti, vorrei proporvi una lettura un po’ fuori dai canoni e un BlogTour, per scoprire i dettagli succulenti della storia che Clara Saltelli ha deciso di condividere con noi. 

Saranno in totale sei tappe, di cui l’ultima verranno annunciati cinque vincitori. 
Ebbene si, abbiamo voluto esagerare e premiarne uno per ogni tappa. Come partecipare? 

- Mettere un bel “mi piace” alla pagina Syntechè 
- Essere follower di tutti i blog che ospiteranno l’evento: 
Il bianco…Il nero prima Tappa
Parole al Vento seconda Tappa
Ombre Angeliche terza Tappa
Books Land quarta Tappa
Le tazzine di Yoko quinta Tappa
- Rispondere alle domande che troverete sotto ogni tappa
- Lasciare la vostra email nei commenti in modo da essere contattati in caso di vittoria

Poche ma semplici, non trovate? Una volta a settimana troverete qualcosa di speciale… speciale come i premi in palio! Posso dirvi solo che ci saranno in palio alcune copie del libro.
Mi sto ripetendo molto e sto dicendo pochissimo, vero? Ahahahahahahahah avete ragione ma voglio che sia una sorpresa!

Passiamo alle cose divertenti.
Ecco a voi i dati del libro e a seguire, l’intervista dell’Autrice!



Titolo: Syntechè. Il volo della Falena
Autrice: Carla Saltelli
Prezzo: 23€
Pagine: 500
Casa Editrice: EIFIS Editore
Trama: Il futuro: secoli di tecnologia e di inquinamento sono stati risolti con una catastrofe naturale che ha spinto la razza umana alla semi estinzione. I sopravvissuti, arroccatisi nei pochi lembi di terra rimasti, hanno scoperto di non essere soli e di non avere a che fare con una natura inerme. Hanno scoperto forze, presenti e consapevoli, in grado di offrire loro una tregua da ulteriori disastri climatici: è l’alba del Trattato, la fine della tecnologia, la fine della violenza sulla natura. Per alcuni, tuttavia, è anche la fine della civiltà. Anni dopo, questo patto tra umani e natura ha ancora bisogno di persone che lo difendano. Yan è uno di loro, nato sotto l’impronta delle regole del Trattato, cresciuto in mezzo alla natura, respinto dagli umani. Come lui ce ne sono tanti, Tramiti li chiamano, e il loro compito è mediare tra le due fazioni ancora in lotta.

INTERVISTA:
- Buongiorno Clara, grazie per essere qui con noi.
Iniziamo con qualcosa di tranquillo e classico. Parlaci un pò di te perchè oltre ad una giovane scrittrice, c'è di più.
Buongiorno a voi,
devo ammettere che non saprei dire qualcosa di più: da quando ho memoria ho sempre avuto un'agenda in una mano e una biro nell'altra. Ho riempito quaderni con racconti mai finiti e personaggi che forse prima o poi farò rinascere. Da sempre, la mia concentrazione su quello che mi circonda ogni tanto mi abbandona e mi ritrovo ad immaginare, anche senza volerlo. Un tempo era un meccanismo di difesa per una ragazzina timida, adesso è uno strumento che ogni tanto, se sono stanca, mi sfugge di mano. Ma è sempre bellissimo.

- Hai il classico problema di molti scrittori, una fantasia incontrollabile! Quanto realmente ti condiziona la vita di tutti i giorni? Chi ti sta vicino ti dice troppo spesso che hai "la testa tra le nuvole"? Oppure ti sopporta (in senso buono eh) così come sei?
Beh, diciamo così: in una giornata di 24 ore è inevitabile per me passarne almeno sei in un altro mondo. Dato che sono una persona vagamente responsabile, evito di perdermi mentre lavoro o studio, ma è dura. E' come se ad un alcolista mettessero sempre di fronte una bella bottiglia di buon Whisky. Il tutto ovviamente mi porta a fantasticare mentre sono in compagnia o in fase di relax. Per fortuna ho amiche comprensive ed una dolce metà che spesso si perde nelle fantasie esattamente quanto me!

- Insomma, riesci a gestirti ancora bene. Il che è ottimo!
Prima di passare al tuo libro però, mi sorge una domanda.... dopo questo primo lancio, pensi di ritirare fuori vecchie storie?
Diciamo di sì, a parte casi rari. Per il futuro, ho almeno tre storie da riprendere, del passato, ma prima voglio concludere questa saga. E' nata semplicemente, ma si è trasformata in un percorso di crescita interiore incredibile. Lo voglio portare a termine, per essere sicura di dare il massimo nelle mie vecchie storie di cui ho un ricordo bellissimo.

- Insomma, questo libro è soprattutto un percorso interiore. Però immagino che tu voglia trasmettere anche a noi qualcosa, vero?
Certamente. In realtà io ho sempre scritto per gli altri, per vedere le loro reazioni e sentirne i pareri. Spesso mi sono beccata degli insulti per alcune scelte di trama, ma immagino sia una buona cosa! Con questo libro voglio trasmettere qualsiasi cosa: il viaggio, il divertimento, la tristezza, il dolore e la gioia. Quelle emozioni che senti quando leggi un libro, quello smarrimento quando lo finisci, ti guardi attorno e tutti stanno vivendo normalmente mentre tu sei a pezzi perchè hai perso la tua ambientazione preferita, o il tuo personaggio preferito. Sono una lettrice, ancora prima che una scrittrice: voglio esattamente quello che le persone che leggeranno il mio libro vorranno. Un'avventura.

- Ti proponi molto ma.... spiegaci meglio questi insulti ricevuti per le tue scelte di trama! Ora sono curiosa ;)
Ho mire alte, è vero. Ma anche per rispondere alla tua domanda: quando il mio libro è stato revisionato, ovviamente chi l'ha fatto è stato costretto a leggerlo tutto. E io voglio avvertire adesso tutti i lettori: non sono mai stata una persona buona, con i miei personaggi. Certe scelte di trama sono cattive e dolorose, nulla da dire. Per cui, un giorno in cui abbiamo lavorato a fianco, chi revisionava mi ha elencato una serie di insulti (che non riporterò, per educazione) dalla metà del libro in poi. Non voglio dire di più per evitarvi spoiler, ma temo che dovrò proteggermi dalle maledizioni!

- Oddio, mi sento già male e devo ancora leggerlo!
Dobbiamo quindi aspettarci momenti difficili...? Ma se ti hanno detto cose poco carine, cosa li ha convinti a pubblicarti?
Se ti può consolare, ci sono anche momenti divertenti e belli.
Ma sì, è un viaggio e come in tutti i viaggi ci sono delle crisi che si aggiungono agli intrighi presenti ed a relazioni non proprio stabili. E sai, penso che sia proprio perchè mi hanno detto cose poco carine che mi hanno pubblicata. Dopotutto, io non ho mai insultato un solo scrittore che non amassi alla follia. Te ne potrei citare un'infinità, ma il succo è: non te la prendi per una storia che non ti coinvolge.

- In effetti, se un libro non ti prende, non suscita nulla e nulla ti rimane.
Visto che però, il tuo è stato approvato (anche se insultato), stai già lavorando al seguito? Quanti saranno alla fine?
Sono all'incirca verso i capitoli finali del secondo numero e posso dire che sarà molto diverso dal primo. Penso di fermarmi a tre, anche se può apparire banale, ma volevo raccontare tre storie e non di più. Quando potrò anticipare un poco di più credo sarà più chiaro il perchè.

- Beh, dato che hai quasi finito il secondo, spero che venga pubblicato presto! 
Vorrei farti dire molto di più su questa storia ma adesso non abbiamo più molto tempo ma ci torneremo settimana prossima per altri approfondimenti. Vuoi però dirci qualcosa in particolare che sai che non verrà fuori nei prossimi giorni?
Lo spero anch'io, noi faremo il possibile! 
Vorrei solo dire che nel libro è nascosto un enigma per tutti i lettori. Invito chiunque leggerà il mio libro a trovarlo. Buona fortuna e buona lettura!

Scorcio di Synteché

Schizzo di trireme

Un po' di umorismo: Psiche e...?

La farfalla di Psiche

Occhi di Psiche work in progress

Siamo giunti alla fine e manca solo una cosa.... la domanda! 
Raccontatemi qual'è il libro che vi ha suscitato l'emozione più forte (amore, odio, paura, speranza...).


La prossima tappa sarà settimana prossima, giovedì 4 dicembre, sul blog di Chiara, Parole al Vento. Non mancate! 

16 commenti:

  1. Syntechè. Il volo della Falena ha una trama che mi attira davvero tantissimo. Partecipo volentieri al blogtour.
    Un libro che mi ha emozionato tantissimo è quello di Hunger Games. Tutta la serie mi è piaciuta tanto, ma quello che mi ha appassionato di più è stato il secondo della serie, La ragazza di fuoco, che mi ha coinvolto davvero molto, facendomi provare emozioni molto intense.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scelta interessante la tua!
      Moltissimi dicono che il secondo della trilogia è quello un pò troppo noioso anche se utile. Sei forse la prima che dice di preferirlo tra tutti. :)

      Elimina
  2. Ciao Noemi, e bentornata (anche se per una piccola apparizione eheh)!
    Che dire, non conoscevo questo romanzo, ma dalla trama sembra intrigante e anche dall'intervista all'autrice si intuisce che è un romanzo bello tosto ( e chi non ha mai insultato un autore "coff George Martin coff coff" per delle scelte da aaargh xD
    Volevo chiedere, ma i disegni li ha fatti Clara? Sono carinissimi!
    Comunque, per rispondere alla domanda, ce ne sono molti di romanzi che mi hanno lasciato emozioni forte, ma per ora dico "Un piccolo sogno" di Susan Phillips, un romance che mi ha fatto provare pena per la situazione al limite del sopportabile che affronta Rachel, la protagonista femminile.
    La mia mail è briciolediparole@gmail.com e ho messo mi piace alla pagina come Rosa e con la pagina del blog.
    Aspetto le prossime tappe! Un bacio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa!
      Guarda, parlando con Clara, mi è venuto il terrore. Ha detto che ci saranno un sacco di cose difficili da digerire ma anche altre tenere e divertenti... speriamo non sia come quelli di Martin!
      I disegni sono i suoi, carinissimi, vero?? :D
      Il libro che dici l'avevo visto in libreria tempo fa ma non immaginavo che potesse suscitare "pena"! Riesce ad essere così pesante??

      Un abbraccione

      Elimina
  3. Ho già adocchiato questo romanzo! :3 La trama mi ispira un sacco e gli estratti che ho letto su fb mi sono piaciuti molto, anche se dopo questa frase "E io voglio avvertire adesso tutti i lettori: non sono mai stata una persona buona, con i miei personaggi. Certe scelte di trama sono cattive e dolorose, nulla da dire." sono molto preoccupata. XD Tendo a essere molto protettiva verso i personaggi e soffro con loro. XD
    I disegni sono davvero belli, in particolare mi piace la farfalla! *O*
    Seguirò più che volentieri questo blogtour. :3

    Ci sono diversi libri che sono riusciti a suscitare forti emozioni... il più recente è Il paese senza adulti che tratta il tema della violenza in famiglia attraverso gli occhi di un bambino. Mi ha fatta arrabbiare, piangere e sorridere, mi ha coinvolta completamente e sono ancora nella fase in cui rimugino sul romanzo. Dovrei scrivere la recensione, ma i miei pensieri sono ancora un groviglio e non riesco a dire tutto ciò che vorrei. Sicuramente è un libro che consiglio. :)
    La mia email: angharadeldrige@gmail.com

    RispondiElimina
  4. Ciao Noemi!!!Bentornata!!! (anche se momentaneamente ^^)
    Ti ringrazio per avermi invitata al blog tour!!!Spero di riuscire a seguire tutte le tappe...sono una persona poco costante.... XD
    La mia risposta alla domanda è sicuramente Proibito di Tabitha Suzuma, un libro dal finale straziante e una storia intensa, un amore proibito ma che non si può non sostenere, ho provato mille sentimenti tutti assieme...uno dei pochi libri che mi ha fatta commuovere! *-*
    La mia mail è Pila_89@hotmail.it!
    Un abbraccio! ^^

    RispondiElimina
  5. Ben(quasi)tornata Keyffina! Ovviamente non posso partecipare alla premiazione, ma non potevo non scrivere in un post dove riappari XD
    Tantissimi libri mi hanno emozionata molto. Harrypotter 6 mi ha sconvolta così tanto che ho pianto a dirotto quando è morto Silente; Hunger games lo rileggo ogni tanto perchè ad ogni lettura scopro qualcosa di nuovo, ma quello che mi è rimasto di più nel cuore è Siddharta... che vuoi farci? Non c'entra nulla con gli altri, ma il bello dei libri è proprio quello di ampliare gli orizzonti, no?! :D

    RispondiElimina
  6. Ciao Noemi e grazie per avermi invitata a questo BlogTour:)
    Devo dire che il libro mi ispira molto e anche l'intervista è stata molto interessante: ti spinge a leggere il romanzo! Anche i disegni sono davvero stupendi specialmente gli ultimi due!
    Per arrivare alla domanda, un libro o meglio una serie che ha suscitato in me tantissime e diversissime emozioni è stata Gabriel's Inferno Trilogy: giuro mi ha fatto provare tutte le emozioni possibili ed inimmaginabili ed immancabilmente mi sono ritrovata sempre a piangere sul finale... E continuerei a leggerlo e rileggerlo ancora è ancora da quanto sono belli...
    Oh dimenticatevo la mail : maryrainolter@email.it
    E in bocca al lupo all'autrice per i suoi progetti futuri e a tutti i partecipanti al giveaway;)

    RispondiElimina
  7. Ciao Noemi! Grazie mille per l'invito a questo blog tour anche perchè non conoscevo questo libro che mi ispira tantissimo!
    Bella e interessante l'intervista con l'autrice e i disegni sono davvero particolari. Insomma hai acceso proprio la mia curiosità.
    Per quanto riguarda la tua domanda potrei rispondere con i classici Harry Potter o Il signore degli anelli che sono i miei libri insuperabili. Ma la verità è che uno dei libri che mi ha suscitato l'emozione più forte è stato Innamorata di un angelo di Federica Bosco (il primo della trilogia)... mi sono talmente immedesimata nella protagonista che alla fine ho pianto come non mi era mai successo. Avevo le lacrime che scorrevano a fiume sulla faccia e non mi era mai capitato prima... commuovermi sì, ma l'emozione che mi ha dato quel romanzo era proprio una novità!!
    La mia mail è lorenzamarabelli@gmail.com
    Ciao ciao :D

    RispondiElimina
  8. Ciao Noemi, eccomi qui! :3
    Bella l'intervista.. Ora la seconda parte mi incuriosisce molto! :D

    Per quanto riguarda il libro che mi ha fatto provare tante emozioni.. Non posso non citare "Avevano spento anche la luna" di Ruta Sepetys sulla deportazione di lituani, lettoni e finlandesi da parte di Stalin.. E' un libro che mi ha straziato il cuore e mi ha fatto apprezzare tutte le cose che do per scontate: dignità, il vivere in un paese libero, il non sapere cosa voglia dire avere fame.. Mi ha fatto capire che i 'problemi' che affronto giorno per giorno sono nulla e le mie lamentele sulle storture che incontro del tutto fuori luogo.
    Ho pianto, anche ;_;

    La mia mail è serenasublogger@gmail.com :)

    RispondiElimina
  9. Ciao! Non partecipo al give, perché sono già stata fortunata ^.^
    Tuttavia ero curiosa di saperne di più e così eccomi qui =D

    Avevo idea che Synteché mi avrebbe portato sofferenza, ma questo non significa che sia scesa a patti con la possibilità e mi sia rassegnata (ho dei problemi con i tempi verbali... voglio dire non ho ancora avuto l'onore di leggere il libro, ma spero che il mio pensiero risulti chiaro).
    I disegni sono meravigliosi! *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amaranth, rimani allora a seguirci perchè le sorprese non sono mica finite! :D

      Elimina
  10. Ciao Noemi, grazie per avermi invitata! :)
    La scrittrice sembra simpatica dalle risposte!!! ^^ E il libro ha una trama molto allettante!!! *_*
    Dunque...sono tanti i libri che mi hanno suscitato forti emozioni...mi viene in mente The Hepl, un libro -e film che ho molto amato e che mi ha suscitato emozioni come indignazione, rabbia, voglia di lotta.
    Partecipo al ga e ti lascio la mia mail: geekybookersblog@gmail.com

    Un abbraccio! :)

    RispondiElimina
  11. Ciao Kedi, grazie per avermi intitato a questo BlogTour.... é da tanto che non leggo e non ti nascondo che vorrei ritagliarmi un po di tempo per fare anche quello.... detto questo, il libro proposto sembra davvero interessante e anche l'intervista all'autrice mi sembra azzeccata..... divertente....

    Non é facile scegliere um libro che mi ha emozionato piu di altri, anche i libri 'epici' molte volte ti danno forti emozioni che al cinema sembrano quasi "scontate o riduttive".... detto questo, propenderei per un libro fuori dalle righe, un libro a cui stranamente tengo molto e che piu che emozioni, mi ha dato molto da pensare: " Come s,mettere di farsi seghe mentali e iniziare a godersi la vita".

    So che non é un libro emozionante da leggere.... ma se ridere é una emozione.... beh, allora questo é il top.... ho smesso di ridere solo quando ho capito che in fondo questo libro mi ha dato la possibilitâ di vedere le cose da un'altra prospettiva, e che forse, anche le mie emozioni potevano essere vissute differentemente.... ;)

    A presto. M

    RispondiElimina
  12. Ciao!
    il libro sembra interessante e la scrittrice simpatica.
    Riguardo ha un libro che mi ha emozionato è difficile, io sono una di quelle persone che si emoziona per qualsiasi cosa che legge.
    Ma forse cito è "Io e Dewey", lo so che è banale ma ho pianto tantissimo per il finale e rimane uno dei miei preferiti.

    RispondiElimina

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)

Goodreads

2017 Reading Challenge

Red Kedi has read 0 books toward her goal of 100 books.
hide

Red Kedi's bookshelf: read

Florence Foster Jenkins
liked it
tagged: cartaceo and case-editrici
Speciale oroscopo Natale
liked it
tagged: case-editrici
Suki-tte Ii na yo, Volume 14
it was amazing
tagged: cartaceo and manga
Suki-tte Ii na yo, Volume 13
it was amazing
tagged: cartaceo and manga

goodreads.com

Visualizzazioni totali

Riconoscimenti

Riconoscimenti

Advertising

Advertising

Ambassador

Ambassador

Contact Us

Nome

Email *

Messaggio *