mercoledì 9 marzo 2016

L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome

Titolo: L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
Autore: Alice Basso
Pagine: 252
Prezzo: € 14.90 cartaceo - € 9.99 ebook
Trama: Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso il resto del mondo. Eppure proprio la vita degli altri è il suo pane quotidiano. Perché Vani ha un dono speciale: da piccoli indizi che sembrano insignificanti, coglie l’essenza di una persona, riesce a mettersi nei suoi panni, pensare e reagire come avrebbe fatto lei. Un’empatia profonda, un intuito raffinato, uno spirito di osservazione fuori dal comune, sono le sue caratteristiche. E di queste caratteristiche ne ha fatto il suo mestiere: Vani è una ghostwriter per un’importante casa editrice. Scrive libri per altri. L’autore le consegna la sua idea, il materiale su cui documentarsi e lei riempie le pagine delle stesse identiche parole che avrebbe utilizzato lui. Un lavoro svolto nell'ombra. E a Vani sta bene così. Anzi, preferisce non incontrare di persona gli scrittori per cui lavora. Fino al giorno in cui il suo editore non la obbliga a fare due chiacchiere con Riccardo, autore di successo in preda ad una crisi di ispirazione. I due si capiscono al volo e tra loro nasce una sintonia inaspettata fatta di citazioni tratte da Hemingway, Fitzgerald, Steinbeck. Una sintonia che Vani non credeva possibile. Da tempo ha smesso di credere che potesse capitare anche a lei. Per questo sa di doversi proteggere perché dopo aver creato insieme un libro che diventa un fenomeno editoriale senza paragoni, Riccardo sembra essersi dimenticato di lei. E quando il destino mette in atto il suo piano imprevisto e fa incrociare di nuovo le loro strade, Vani scopre che in amore nulla è come sembra. Questa volta è difficile resistere a Riccardo e a quell'alchimia che pare non esser mai svanita. Proprio ora che Vani ha bisogno di tutta la sua concentrazione, di tutto il suo intuito. Un’autrice per cui sta lavorando è stata rapita e la polizia vuole la sua collaborazione. Perché c’è un commissario che ha riconosciuto il suo talento unico e sa che solo lei può entrare nella mente del sequestratore. Come nel più classico dei romanzi Vani ha davanti a sé molti ostacoli. E non c’è nessuno a scrivere la storia della sua vita al posto suo, dovrà scegliere da sola ogni singola parola, gesto ed emozione.

Scarabocchio: Vani è una ghostwriter, ovvero una persona che scrive nell'ombra libri al posto degli scrittori che compariranno in copertina. Questo lavoro particolare e mal pagato, le piace e le permette di gestirsi come meglio crede, riuscendo a prendersi qualche soddisfazione ma l'arrivo di Riccardo e la sparizione di Bianca, cambieranno per sempre la sua vita. 

Non è facile dire tutto, senza farsi scappare nulla. 
Non sono come Vani, le parole non mi escono sempre spontanee. Eppure, anche se è capace di leggere nel profondo dell'anima, non riesce a sentirsi sempre soddisfatta. Certo, continua a ripetere che non gli interessa nulla di niente ma più leggiamo e più vediamo quanto in realtà abbia voglia di migliorare certe cose. Non se ne rende conto fino al momento in cui vive nuove emozioni o soddisfazioni. 

Nella storia troviamo Morgana, brillante adolescente dark, che venera Vani per il suo modo di vestire ed il suo modo di porsi verso il mondo. 
C'è Riccardo, famoso scrittore affascinante e nuovo fidanzato, che saprà sorprendere Vani su ogni fronte. 
C'è Bianca, scrittrice che parla con gli Angeli ma che non ha tempo per scrivere il nuovo romanzo.
Il Commissario, che con la sua intelligenza fine, riesce a coinvolgere Vani nelle indagini (e con profitto!)

Ogni personaggio ha il suo ruolo, fondamentale, nella storia che ci viene raccontata. 
Tutti influiscono sulla crescita di Vani e ce la fanno conoscere sotto molti aspetti che inizialmente, lei non vuole dire, o non sa. Alice Basso si è conquistata il mio cuore, come questa nuova protagonista un pò Orso ma non Riccardo, che mi ricorda molto il detto "l'abito non fa il monaco". 

Ho adorato il ritmo usato da Alice, molto sostenuto ma non troppo veloce o caotico. Non so bene come dirvi le emozioni che mi ha suscitato leggere questo libro. Indubbiamente molte e contrastanti. 
Divertente ma triste, emozionante ma doloroso, agguerrito ma cattivo. 
Una lettura da assaporare (sopratutto perché tra poco, ne esce un secondo!!!)

1 commento:

  1. Infatti, ho assaporato tantissimo. ;-)
    Attendo con impazienza il secondo romanzo della serie.
    Ciao da Lea

    RispondiElimina

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)