martedì 22 maggio 2012

Giochi di Potere

Titolo: Cella 211
Autore: Pérez Gandul Francisco
Prezzo: € 14,45
Pagine: 240
Trama: Il giovane Juan Olivier, al suo primo incarico come secondino in un carcere di massima sicurezza, si presenta al lavoro con un giorno d'anticipo sul primo turno di guardia. Mentre visita il braccio che rinchiude i detenuti più pericolosi ha un mancamento. Nel tentativo di rianimarlo, le guardie lo distendono temporaneamente sulla brandina di una cella al momento vuota: la cella 211. Ma non hanno il tempo di aspettare che Juan si riprenda: il carismatico Malamadre, leader indiscusso dei detenuti più pericolosi, è riuscito ad assumere il controllo del braccio e a scatenare una sommossa. Alle guardie non resta che togliersi da lì al più presto e mettersi in salvo, abbandonando l'ignaro Juan al proprio destino in mezzo ai rivoltosi... Un noir carcerario che si avvale di un tema di grande impatto, una trama piena di colpi di scena e un protagonista camaleontico di fronte a un tragico destino. Da questo romanzo d'esordio, l'omonimo film di Daniel Monzón uscito in Spagna nel 2009

Scarabocchio: Cella 211 era nella mia lista da parecchio tempo. La trama era molto interessante e se ricordate, ve l’avevo proposto in una delle prime puntate di “Consigli di Mamma Chioccia” ( qui ).

Settimana scorsa mi sono finalmente decisa a comprarlo. Non sapevo bene cosa aspettarmi ma ovviamente, una mezza idea me l’ero fatta. Parliamo di Carcerati e di una futura Guardia Penitenziaria che viene abbandonata tra di loro. Com’è giusto che sia, nessuno sa chi è realmente e dopo qualche trucchetto, viene accettato come uno di loro. Fin qui, la storia non è male, il potenziale c’è, anche se non è poi così nuovo.
Di certo non è la classica storia trita e ritrita che ultimamente ci stanno proponendo.
C’è un MA in tutto questo e probabilmente, l’avrete intuito.
Per quanto non sia una storia difficilissima, ha bisogno però di avere dei dati e delle azioni reali. Qui non puoi inventare di sana pianta le cose, altrimenti fai un po’ la figura dello sciocco e di certo non va bene. Ci sono punti dove capisci che chi scrive, si è informato ma ci sono altrettanti punti dove le cose non solo sono inventate, ma hanno quella presunzione di voler essere “vere”.
I vari capitoli sono suddivisi in altri piccoli capitoli (se così si possono chiamare), dove un personaggio parla in prima persona (rotano sempre tra gli stessi tre). Uno di loro, è il capo dei Carcerati e viene dipinto come un troglodita… Penso che sia la parte che odio di più in assoluto. Quei pezzi, sono per me difficili da leggere perché sono un errore unico. Ovviamente è stato fatto di proposito ma l’idea che dà, ovvero che ogni carcerato è un povero idiota analfabeta, mi spiazza e mi fa “girare la testa”. Ci sono dei passaggi che mi annervano, questo dare per scontato proprio non lo digerisco!
Detto questo però, voglio dire che non è un pessimo libro. Certo mi ha deluso un po’, però non è da scartare. Il finale poi è sorprendente, non ci sono arrivata subito!

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)