martedì 1 novembre 2016

4° Tappa Blogtour "Le lame di Myra. La saga del Dominio" di Licia Troisi | Intervista



Titolo: Le lame di Myra
Autore: Licia Troisi
Pagine:
Prezzo: € 19 cartaceo - € 9.99 ebook
Trama: Dopo l'apocalisse dei Cento Giorni d'Ombra, il Dominio è stato quasi interamente ricoperto di ghiacci e nevi. Solo le terre più a Sud rimangono temperate e rigogliose, mentre a Nord si muovono popoli in costante lotta per la sopravvivenza, spesso in guerra tra loro. La grande federazione di clan agli ordini di Acrab ha però un sogno molto più grande che la conquista di un pezzo di terra. Lui non vuole solo trovarsi uno spazio all'interno del Dominio, ma vuole rovesciarlo, distruggendo il potere dei maghi detti Camminanti. La loro magia, infatti, sfrutta la sofferenza degli Elementali, che i Camminanti hanno ridotto in schiavitù, mentre Acrab immagina un regno dove umani ed Elementali convivano. La strada per arrivarvi, però, passa attraverso la conquista dei numerosi regni che compongono il Dominio, una cruenta battaglia dopo l'altra. In prima fila nell'esercito di Acrab vi è Myra, che il comandante ha salvato dall'arena degli schiavi e cresciuto come una figlia. La sua abilità con i walud , le spade a forma di mezzaluna, ha assicurato all'esercito di Acrab la vittoria in più di un'occasione. Ora, però, Myra ha un'altra e più personale battaglia da combattere. A differenza di quanto ha sempre creduto, ha scoperto infatti che la sua famiglia non è stata uccisa per una disputa sulla terra, ma per un segreto che porta alla morte chiunque ne venga a conoscenza. Myra parte così alla ricerca della verità, in un lungo viaggio attraverso il Dominio con il solo appoggio di Icenwharth, un drago rinnegato dal suo popolo per aver stretto amicizia con un umano. Battaglia dopo battaglia, incontro dopo incontro attraverso lande desolate e città meravigliose, Myra scoprirà così i contorni di una macchinazione destinata a cambiare il destino del suo mondo e, forse, anche a distruggerlo.


Come avrete sicuramente capito, oggi ci sarà l'intervista con Licia.
Siete curiosi??

Buongiorno Licia, grazie per esserti resa disponibile!
Partiamo con qualcosa di semplice? Cosa fai nella vita oltre a scrivere?
Un sacco di cose :P. Sono una moglie e una mamma, principalmente, ma sono anche un’appassionata di serie televisive e fumetti, una fortissima lettrice, faccio dolci che provo a decorare col cake design, faccio origami…ho molte passioni, a volte penso un po’ troppe :P.

Oltre a scrivere, leggi? Quali sono i tuoi libri preferiti? 
Sì, leggo moltissimo, senza leggere non potrei fare questo mestiere. Non ho un genere di libro preferito, leggo di tutto, dalla narrativa alla saggistica, e il fantasy è solo una parte, neppure maggioritaria, di quel che leggo. Il mio libro preferito è Il Nome della Rosa, che leggo una volta l’anno, in genere nel periodo di Natale, e, nel fantasy, adoro Jonathan Stroud. La sua serie Lockwood & co. mi sta appassionando tantissimo.

Quante storie hai messo da parte, prima di capire che era arrivato il momento di pubblicare?
Molte, ma sono rimaste tutte nella mia testa; per me la scrittura è stata una prosecuzione del gioco. Da bambina inventavo un sacco di storie, in genere ispirate a film e cartoni animati. Quando sono cresciuta, ho preso l’abitudine di raccontarmele la sera, a letto, per conciliarmi il sonno. Notte dopo notte le arricchivo e sviluppavo la trama. Nessuna di queste storie, però, mi ha mai convinta a sedermi alla scrivania e farne un libro. In compenso, ho scritto tantissimo diario e parecchi racconti.

Cosa ti ha spinto a scegliere proprio quella storia? 
Perché mi appassionava moltissimo e mi faceva sentire sicura: la mia paura maggiore, quando inventavo una storia, era non saperne abbastanza per scriverne. Col Mondo Emerso, invece, ero io la padrona di ogni aspetto: non solo la storia, ma anche il mondo era di mia invenzione, e nessuno poteva saperne più di me. Col senno di poi, non era una cosa poi così vera, ma mi ha dato la spinta che mi serviva a trovare coraggio e iniziare a scrivere un libro.

Quando hai pubblicato il tuo primo libro, come ti sei sentita?
La sensazione di irrealtà è stata preponderante dal momento in cui mi ha telefonato la Mondadori per dirmi che era interessata alla pubblicazione del libro a quello in cui ho visto Nihal della Terra del Vento sullo scaffale, in libreria. A volte, mi sembra ancora tutto un po’ irreale, e sono passati tredici anni :P. Poi, certo, c’è stata la soddisfazione, ma mi sono sempre concentrata più che altro sul mio lavoro, cercando di migliorarmi e di pensare sempre al libro successivo.

Ti saresti mai aspettata tutto questo successo? 
Assolutamente no. Quando ho mandato il libro, alla Mondadori e a una piccola casa editrice a pagamento romana (ma io all'epoca non sapevo fosse a pagamento…) non pensavo neppure che sarei arrivata alla pubblicazione. È stata tutta una sorpresa, per certi versi lo è ancora.

Com'è la tua vita ora? Le persone ti fermano per strada? 
Solo a Lucca durante la fiera del fumetto. Lì, in effetti, per usare un termine scientifico, il mio cammino libero medio è brevissimo: faccio trenta metri e qualcuno mi riconosce. In generale, invece, è raro che la gente mi riconosca per strada. È successo qualche volta, ma non posso dire che sia proprio una cosa frequente, e, tutto sommato, è anche meglio così: mi piace essere un po’ invisibile quando vado in giro.

Com'è stato vedere per la prima volta i disegni di Paolo Barbieri? 
È riuscito a immortalare bene l’idea che ti eri fatta dei tuoi personaggi? 
È stato uno di quei momenti in cui ho capito che la faccenda si stava facendo seria. Ricordo che la casa editrice mi mandò una prima versione della Nihal sulla copertina di Nihal della Terra del Vento, senza elmo, e io iniziai a girare l’Osservatorio Astronomico di Roma, dove stavo facendo la tesi di laurea, per farla vedere un po’ a tutti. Se abbia interpretato o meno la mia idea dei personaggi credo sia ininfluente: è giusto, e anzi mi fa molto piacere, che un artista metta del proprio nella rappresentazione anche di creazioni altrui. Sono sue interpretazioni, e le trovo particolarmente efficaci, soprattutto per quel che riguarda le copertine dei libri.

Com'è stato vedere per la prima volta una cosplayer tratto da un tuo libro? 
Meraviglioso. Ho fatto cosplay, e una volta l’anno, a Lucca, continuo a indossare per un giorno l’armatura. Quest’anno ho a lungo accarezzato l’idea di fare il cosplay della Cersei dell’ultima puntata della sesta stagione de Il Trono di Spade. So cosa spinge a scegliere un certo personaggio, e come ci si sente a indossarne le vesti. Credo non esista soddisfazione maggiore, per chi fa cultura pop come me, che vedere qualcuno fare il cosplay di un proprio personaggio. Per esempio quest’anno Valentino Notari, un noto cosplayer italiano che ho conosciuto nei panni di Sennar, farà un cospaly di Saiph, e io non vedo l’ora di vederlo.

Quando inizi a scrivere una nuova storia, conosci già il finale? 
Oppure è una scoperta anche per te?
Sì, il finale devo conoscerlo, e raramente cambia in corso d’opera; posso modificare qualche snodo di trama, ma i punti centrali della narrazione devo conoscerli per bene. Credo che una storia sia un viaggio, in cui il lettore è accompagnato da una guida, che è lo scrittore; per questo devo sempre sapere a che punto sono e dove voglio arrivare.

Come ti senti una volta arrivata alla fine di una saga?
Soddisfatta, ma anche triste. Finire qualcosa fa sempre piacere, è il compimento di un lavoro che spesso dura anni, ma fa sempre un po’ male lasciare personaggi con cui si è convissuto così a lungo. Mi è capitato per esempio quando ho chiuso La Ragazza Drago: Sofia e gli altri erano stati con me per cinque anni, è stata dura dir loro addio. Al tempo stesso, ero contenta del risultato, e felice di essere riuscita a portare a compimento una storia così lunga.

Come nascono le tue idee per i libri? 
Dalla vita di tutti i giorni. Più passa il tempo più penso che il raccontare storie sia un mio modo di essere: io guardo alla realtà in questo modo, tutto, per me, può essere spunto per una storia. In genere racconto questo aneddoto: una sera ero sul treno, era inverno, ero molto stanca, e tornavo da non ricordo quale presentazione. A intervalli regolari, mentre me ne stavo a occhi chiusi a cercare di dormire, mi arrivava uno spiffero gelido. Era semplicemente la porta tra i vagoni che si apriva, ma io ho subito iniziato a fantasticare di un fantasma che viveva sul treno e si faceva vivo solo in questo modo.

Quando incominci a scrivere, hai già tutti i dettagli in mente? 
Il maggior numero possibile, sì, ma ovviamente non tutti. So per esempio di cosa tratterà ogni capitolo, ma poi la gran parte dei dettagli veri, quelli che danno corpo e colore alla storia, e la rendono infine divertente da leggere, mi vengono in mente sul momento. 

Cosa ne pensi dell’auto pubblicazione? 
Credo possa essere un buon modo per farsi conoscere. Io però penso che il ruolo dell’editore, o meglio ancora dell’editor, resti comunque fondamentale: il confronto con una figura professionale che ti fa crescere come autore, ti aiuta a correggere e in qualche modo far uscire dal guscio il tuo libro è sempre stata per me indispensabile, e questo è un servizio che ti può dare solo una casa editrice o un’agenzia letteraria. Inoltre, la casa editrice, quando funziona bene, ti dà una visibilità che l’auto pubblicazione non è in grado di darti. 

Svelaci qualche dettaglio del tuo nuovo lavoro. Puoi? 
Uhm…più che altro non so che dire :P. Posso dire che d’inverno, a metà mattina, ho bisogno di una tazza di te; ho il bollitore direttamente in stanza, con un sacco di tè diversi che mi regalano le persone nei loro viaggi. Mi aiuta a staccare e al tempo stesso a concentrarmi. Poi mi distraggo spesso mentre scrivo, lo confesso, ma mi serve; quando mi trovo improvvisamente bloccata su un punto della trama che non riesco a sbrogliare, ho bisogno di staccare completamente: navigo in rete, faccio merenda, faccio una cosa qualsiasi che mi distragga. Quando ritorno sulla pagina, in genere riesco a trovare subito la soluzione. È una cosa che ho imparato dalla mia carriera scientifica: quando sei bloccato, è inutile rimuginare. O chiedi aiuto a qualcuno (e certe volte lo faccio anche coi problemi di trama), oppure stacchi. Le cose vanno viste da un altro punto di vista per poterle risolvere.

Ti piacerebbe vedere i tuoi libri sul grande schermo? 
Beh, certo. Non credo però accadrà mai, o comunque non a breve termine. Le condizioni in Italia e in Europa al momento non ci sono, e io praticamente non sono tradotta per il mercato anglofono. Inoltre, secondo me la grande ondata dei film fantasy si sta esaurendo. C’è ancora posto per le serie tv, e forse è a quelle che dovrei puntare.

Cosa vorresti trasmettere ai lettori? 
Innanzitutto li voglio divertire, appassionare, commuovere, voglio che entrino nelle mie storie e non desiderino uscirne più. E poi voglio che si pongano domande su se stessi e sul mondo, che le mie storie cambino anche solo di un pochino il loro punto di vista sulla vita. 

Con questo, per oggi è tutto! 
Non dimenticatevi di seguire la tappa di domani :) 

1 commento:

  1. Ciao! :D
    Che bella intervista. Licia Troisi è una delle mie autrici preferite per cui per me è sempre un piacere leggere le sue interviste! *o*

    RispondiElimina

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)

Riconoscimenti

Riconoscimenti