lunedì 28 luglio 2014

Vendetta Piccante

Titolo: Vendetta piccante
Autore: Jennifer Probst 
Pagine: 208
Prezzo: € 9,99 Ebook - € 11,82 Cartaceo
Trama: Miranda Storme mai si sarebbe aspettata di incontrare di nuovo Gavin Luciano. Tre anni prima avevano avuto una storia molto intensa, ma lui l’aveva improvvisamente abbandonata lasciandola a pezzi. Adesso Gavin è tornato sui suoi passi e Miranda può concedersi il piacere di vendicarsi… stroncando il ristorante di Gavin sul giornale per il quale lei scrive. Praticamente un incubo per Gavin, che da pochi mesi ha assunto la gestione del ristorante di famiglia per salvarlo dal fallimento. Ma non è tutto, il fatto è che Gavin è rimasto folgorato da questo nuovo incontro e ha deciso di chiedere un’altra chance: otto settimane per dimostrare di essere un buon cuoco in cucina e per riconquistarla… a letto. Una proposta decisamente allettante!

Scarabocchio: Gli ormoni ballano la giga (non ridete, il ballo esiste!) e io, dopo lo Sbatticuore, avevo voglia di leggere qualcosa di.... più interessante. Chiariamoci, questo genere di letture non mi piacciono in maniera particolare perchè ce ne sono troppe e spesso anche abbastanza ridicole ma di tanto in tanto, mi piace scovare qualcosa di piccante. Dopo la fuga degli O, sono approdata nel mondo dei multipli e la cosa è stata divertente. Certo, non posso classificarlo come una lettura bellissima ma ho visto di peggio...

Miranda è un concentrato di femminilità e con la sua chioma rossa è riconosciuta ovunque. Critica gastronomica emergente, il suo passatempo preferito è valutare ogni posto ma non si spinge oltre. Dentro di lei ci sono cicatrici ancora aperte e dolori che nasconde sperando di poter guarire.
Gavin è un uomo bello e ricco, con un futuro roseo davanti a se. Per motivi familiari si ritrova a casa, nel ristorante dove è cresciuto a cercare di risollevare le sorti del posto un tempo amato. 
Ovviamente i due si incontreranno e faranno fuoco e fiamme dopo una recensione negativa di lei. 

Io Tarzan, Tu Cita per la serie... ammetto di esserci rimasta male, immaginavo fosse qualcosa di più sottile, di più provocante.. invece no. Certo, assomigliano a dei ricci ma le scene raccontate sono ben poche. 
In compenso c'è molta trama, scontata certo ma è pur sempre qualcosa di positivo. Insomma, se volete una lettura estiva e veloce, questo libro fa al caso vostro! 
Penso che cercherò anche i suoi altri libri perchè mi piace come scrive. Voi li avete letti? Cosa ne pensate? 

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)

Riconoscimenti

Riconoscimenti